Share
spinner-caricamento

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia verified

Torino, Piemonte, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

in corso Artsupp card Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra

La mostra

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia presenta la mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra nelle sale del Centro espositivo di via delle Rosine a Torino dal 14 febbraio al 2 giugno 2024.Un’altra grande mostra - dopo le personali dedicate a Dorothea Lange e André Kertész - che racconta con circa 120 fotografie uno dei momenti cruciali della storia della fotografia del XX secolo, il rapporto professionale e affettivo fra Robert Capa e Gerda Taro, tragicamente interrottosi con la morte della fotografa in Spagna nel 1937. Fuggita dalla Germania nazista lei, emigrato dall’Ungheria lui, Gerta Pohorylle e Endre – poi francesizzato André – Friedmann (questi i loro veri nomi) si incontrano a Parigi nel 1934, e l’anno successivo si innamorano, stringendo un sodalizio artistico esentimentale che li porta a frequentare i cafè del Quartiere Latino ma anche ad impegnarsi nella fotografia e nella lotta politica. In una Parigi in grande fermento ma invasa da intellettuali e artisti da tutta Europa, trovare committenze è però sempre più difficile. Per cercare di allettare gli editori, è Gerta a inventarsi il personaggio di Robert Capa, un ricco e famoso fotografo americano arrivato da poco nel continente, alter ego con il quale André si identificherà per il resto della sua vita. Anche lei cambia nome e assume quello di Gerda Taro.


L’anno decisivo per entrambi è il 1936: in agosto si muovono verso la Spagna, per documentare la guerra civile in corso tra i repubblicani e fascisti; il mese dopo Capa realizzerà il leggendario scatto del Miliziano colpito a morte, mentre Gerda Taro scatta la sua immagine più iconica, una miliziana in addestramento, pistola puntata e scarpe con i tacchi, in un punto di vista inedito della guerra fatta e rappresentata da donne. Insieme a queste due icone, i fotografi realizzano tanti altri scatti, che testimoniano di una partecipazione intensa all’evento, sia dal punto di vista del reportage di guerra, sia da quello della vita quotidiana dei soldati, delle soldatesse e della popolazione drammaticamente vittima del conflitto. Le loro fotografie vengono pubblicate sui maggiori giornali del tempo, da “Vu” a “Regards” a “Life”, conferendo alla coppia – che spesso firma con un’unica sigla, senza distinguere l’autore o l’autrice dello scatto – una solida fama e molte richieste di lavoro. Nel corso del 1936 e del 1937 i due si spostano tra Parigi e la Spagna, documentando ad esempio gli scioperi nella capitale francese e le elezioni del 1937, conclusesi con la vittoria del raggruppamento antifascista del Fronte Popolare. Ma anche il Convegno Internazionale degli Scrittori Antifascisti a Valencia, dove Taro fotografa personaggi come André Malraux, Ilya Ehrenburg, Tristan Tzara, Anna Seghers.

Immagini della mostra

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Via delle Rosine, 18
10123 Torino

Altri contatti

Altro in programma

date_range undefined undefined Artsupp card

Michele Pellegrino

Fino al 14 aprile 2024

date_range undefined undefined Artsupp card

Ugo Mulas

Fino al 14 aprile 2024

date_range undefined undefined Artsupp card

Mostre a Torino

in scadenza date_range undefined

I TAPPETI DELL’ELISIR

Fino al 03 marzo 2024

in scadenza date_range undefined

Visual Persuasion

Fino al 03 marzo 2024

date_range undefined

ANTONIO CAMPI A TORRE PALLAVICINA

Fino al 10 marzo 2024

date_range undefined

Gianni Caravaggio

Fino al 17 marzo 2024

Ricerche correlate

in scadenza date_range undefined

Lo sguardo di Dante

Fino al 29 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined

RICCARDO DALISI

Fino al 03 marzo 2024

in scadenza date_range undefined

Immagini di un mondo scomparso

Fino al 03 marzo 2024

in scadenza date_range undefined

Umbria Patrimoni

Fino al 03 marzo 2024

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo