spinner-caricamento
Share
fullscreen
Antonio Canova - Venere con lo specchio
fullscreen
Antonio Canova - Venere con Fauno
fullscreen
Antonio Canova - Venere e Adone
fullscreen
Antonio Canova - Le Grazie
fullscreen
Antonio Canova - Autoritratto
fullscreen
Antonio Canova - Amorino Lubomirski
fullscreen
Antonio Canova - Creugante
fullscreen
Antonio Canova - Teseo vincitore del Centauro
fullscreen
Antonio Canova - Amore e Psiche
fullscreen
Antonio Canova - Teseo sul Minotauro
fullscreen
Antonio Canova - Danzatrice con le mani sui fianchi
fullscreen
Antonio Canova - Danzatrice col dito al mento
fullscreen
Antonio Canova - La Sorpresa
fullscreen
Antonio Canova - Le Grazie e Venere danzano davanti a Marte
fullscreen
Antonio Canova - Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice
fullscreen
Thomas Lawrence - Ritratto di Antonio Canova
fullscreen
Antonio Canova - Cefalo e Procri
fullscreen
Antonio Canova - Venere e Marte
Antonio Canova - Venere con lo specchio
Antonio Canova - Venere con Fauno
Antonio Canova - Venere e Adone
Antonio Canova - Le Grazie
Antonio Canova - Autoritratto
Antonio Canova - Amorino Lubomirski
Antonio Canova - Creugante
Antonio Canova - Teseo vincitore del Centauro
Antonio Canova - Amore e Psiche
Antonio Canova - Teseo sul Minotauro
Antonio Canova - Danzatrice con le mani sui fianchi
Antonio Canova - Danzatrice col dito al mento
Antonio Canova - La Sorpresa
Antonio Canova - Le Grazie e Venere danzano davanti a Marte
Antonio Canova - Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice
Thomas Lawrence - Ritratto di Antonio Canova
Antonio Canova - Cefalo e Procri
Antonio Canova - Venere e Marte

Altre opere esposte

Descrizione

Teseo sul Minotauro è un'opera scultorea realizzata da Antonio Canova tra il 1781 e il 1783 e la versione in marmo è attualmente esposta nel “Victoria and Albert Museum” di Londra. Teseo è seduto sul suo avversario in atto di trionfo: tiene in mano la clava con cui abbattè l’essere biforme. Il Minotauro è proteso ed esangue: giace senza vita, in una posa innaturale. Questa è considerata come la prima opera in cui il Canova volle associare lo studio della natura alle osservazioni compiute a Roma sulle opere classiche; per la storia dell’arte è un punto di svolta. Il cambiamento di stile consiste proprio nella sintesi del bello di natura con il bello ideale, chiave del neoclassicismo. Il confronto di quest’opera con l’ultimo lavoro del periodo veneziano “Dedalo e Icaro” rende con maggiore efficacia il mutamento: padre e figlio sono rappresentati attraverso una notevole attenzione al dato espressivo, reale e umano. D’altra parte con Teseo e il Minotauro risalta la ricerca di una bellezza idealizzata e perfetta degna di un eroe greco, la quale viene raggiunta solamente grazie agli studi di Canova sulle proporzioni e la figura umana. Nel Teseo si ravvisa una “fisionomia placida, degna di un eroe che nobilmente si compiace di aver vinto, cosa per lui di non grave importanza; il carattere del Minotauro sta in contrapposizione a quello di Teseo, ed è armonia con l’insieme dell’opera” PER CONTINUARE LA RICERCA: Teseo, eroe dell’Attica e figlio del re ateniese Egeo, era famoso per la sua sensibilità e la sua forza. Suo padre decise di metterlo alla prova fin da piccolo, nascondendogli i sandali e la spada sotto una massiccia roccia. Soltanto nel momento in cui il ragazzo fosse stato capace di sollevare il blocco di pietra e riprendersi i suoi averi avrebbe potuto recarsi ad Atene e diventare re della città. A sedici anni sua madre lo condusse presso il luogo prestabilito e Teseo superò la prova senza fatica e con fierezza. Una volta preso il posto del padre si rese però conto di una spiacevole verità: ogni anno la sua città era costretta a consegnare in pasto al Minotauro 14 giovani ateniesi (7 ragazzi e 7 ragazze). Questa mostruosa bestia era chiusa in un complicatissimo labirinto creato da Dedalo sull’isola di Creta e si cibava solamente con i corpi dei poveri mal capitati. Teseo volle tentare l’incredibile impresa di affrontare il Minotauro per liberare la sua patria dall’incubo che la opprimeva. Preparò dunque la spedizione e si allenò con le armi più pesanti, ma solo grazie all’astuzia della principessa cretese Arianna riuscì ad avere successo. Ella infatti gli insegnò che, per non perdere la giusta via del ritorno, bastava srotolare un gomitolo di filo lungo il percorso. Ascoltate le sue parole, Teseo compì la temibile impresa e la sua gente gliene fu per sempre riconoscente.

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo