Loading
IT
EN
FR
DE
ES
IT
EN
FR
DE
ES
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
PROJECT ROOM #9 Mostra tutte le foto
in scadenza

PROJECT ROOM #9:

Marta Pierobon e Forniture Pallotta

Dal 25 marzo al 25 maggio 2024

Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck

Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck

Via Marco Antonio Bragadino, 2, Milano

Chiuso oggi: apre Giovedì alle 14:00

Profilo verificato


Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck è lieto di presentare PROJECT ROOM #9 dal 25 marzo al 25 maggio 2024. Marta Pierobon e Forniture Pallotta celebrano con un antimonumento Pharaildis Van den Broeck. A partire dagli studi e i prototipi dell’artista e fashion designer di origine belga sull’ampio tema della tavola apparecchiata le due artiste e food designer mettono in scena un rito affettivo e intimo in cui la convivialità è intesa come un’attitudine libera e fluida di connettersi agli altri. Una cena ideale i cui cinque invitati – Marta Pierobon, Alessandra Pallotta, Barbara Garatti, Michele Sagramoso e Pharaildis Van den Broeck – seduti attorno a un tavolo diventano attori e spettatori di una scena in cui sono gli oggetti inanimati, le ceramiche di Pierobon, e le sculture edibili, di Alessandra Pallotta, diventano dispositivi per innescare coreografie inaspettate.


Tra il contenitore e il contenuto di ciò che è disposto sul tavolo la soglia è sempre labile: piatti-dipinti, bicchieri-bocche, cipolle-catene, mani-posacenere formano un tutt’uno con i corpi che li consumeranno. Come di consueto il progetto espositivo vuole creare letture insolite e transdisciplinari tra linguaggi e attitudini diverse. Marta Pierobon lavora da anni con la ceramica creando sculture in cui l’immaginario familiare e domestico del corpo è trasfigurato da visioni surreali e perturbanti. Dall’altro lato Alessandra Pallotta utilizza il cibo come materia plastica per realizzare trompe-l'œil che ingannano non solo la vista ma anche olfatto, gusto e tatto.La Project Room #9 come di consueto è accompagnata dalla pubblicazione di un booklet a tiratura limitata in 200 esemplari realizzato su progetto grafico di Emiliano Biondelli.In continuità con il programma di Project Room iniziato nel 2019, anche quest’anno il progetto di apertura dell’Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck, ideato e coordinato dalla curatrice dell’archivio Barbara Garatti, mira da un lato a valorizzare e a far conoscere l’opera dell’artista e dall’altro a promuovere nuove metodologie di ricerca e produzione delle arti visive contemporanee, in coerenza con la mission del Comitato per l’Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck.

Leggi di più

Altre Mostre

a Milano

Ricerche correlate

Echoes
EMOTION
OBEY: The Art of Shepard Fairey
Ezio Gribaudo