spinner-caricamento
Share
Museo Mario Praz

Il Museo Mario Praz

Il Museo Mario Praz, è stato aperto al pubblico nel giugno del 1995 ed è uno dei rari esempi di casa-museo del panorama museale italiano.

Il Museo è stato creato in sessant'anni di appassionato collezionismo da Mario Praz (Roma 1896-1982) anglista e critico di levatura internazionale.

Si presenta come una dimora nobiliare del secolo XIX arredata in tutti i suoi dettagli con mobili, dipinti, sculture, tappeti, tendaggi, lampadari, bronzi, cristalli, porcellane, miniature, argenti e marmi.

Gli arredi esposti nel Museo Mario Praz sono stati acquistati sul mercato antiquariale europeo, in Francia, in Germania ed in Inghilterra, oltre che in Italia e offrono una godibilissima panoramica di una 'filosofia dell'arredamento' che spazia dal gusto neoclassico della fine del secolo XVIII attraverso lo stile impero, fino alla più domestica maniera biedermeier che caratterizza la seconda metà dell'Ottocento.

Stanze per ricevere e camere da letto, biblioteche, studio e camera da pranzo si offrono una dopo l'altra al visitatore che vi viene accolto come in una dimora ancora abitata, con i fiori freschi nei vasi ed i libri aperti sui tavoli.

Alle pareti molti dipinti rappresentano vedute di interni ottocenteschi e non è inconsueto trovare tra gli arredi della casa qualcuno degli oggetti riprodotti nei dipinti stessi come ad esempio la grande arpa Erad degli inizi del secolo XIX collocata nello studio, nei pressi di un ritratto di signora che in abito azzurro alla moda del 1830 si appoggia ad un identico strumento musicale.

Gli spazi

Orari e biglietti

Indirizzo

via Zanardelli, 1
00186 Roma

Altri contatti

Scopri tutte le sedi: Direzione musei statali della città di Roma


Altri musei a Roma

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp riunisce tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei su un’unica piattaforma. Da oggi siamo anche in Spagna, Regno Unito, Olanda, Francia e Germania. Registrati per scoprire i musei che condivideranno le loro mostre e attività culturali su Artsupp.

chi siamo