Share
spinner-caricamento

Terme di Diocleziano verified

Roma, Lazio, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

conclusa Museo dell'Arte Salvata

La mostra

Il Museo dell’Arte Salvata avrà sede a Roma, all’interno del Museo Nazionale Romano, nell’Aula Ottagona - più comunemente nota come Planetario - delle Terme di Diocleziano.

Il Museo - la cui costituzione è stata annunciata dal Ministro della cultura Dario Franceschini poche settimane fa, dopo l’ennesimo successo del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) - sarà un luogo dove raccontare stabilmente il salvataggio dell’arte nelle sue diverse forme.

Fatto salvo il principio che ogni opera debba tornare al suo territorio di provenienza, il Museo dell’Arte Salvata vuole essere un luogo dove questi beni potranno transitare ed essere esposti al pubblico per un periodo di tempo delimitato: opere d’arte trafugate, disperse, vendute o esportate illegalmente e poi, finalmente, riportate a casa, per ricucire quel tassello rubato alla storia e al patrimonio nazionale.


Le restituzioni dovute alla diplomazia culturale o a seguito delle indagini del Comando Carabinieri TPC e del lavoro dei Caschi blu della cultura, il ritrovamento tra le macerie dei terremoti e in seguito agli interventi in caso di calamità naturali e conflitti, i salvataggi grazie ai grandi restauri, senza contare i recuperi fortuiti di antichità o dovuti agli scavi di emergenza per lavori pubblici e privati, i capolavori restaurati dall’Istituto Centrale per il Restauro (ICR): tutte queste opere d’arte troveranno nel Museo dell’Arte Salvata un approdo per un periodo durante il quale saranno esposte al pubblico prima di essere ricollocate nei musei di appartenenza.

In occasione dell’apertura al pubblico del Museo, saranno esposti i recenti ritrovamenti frutto delle attività di contrasto al traffico illecito di beni culturali svolta dal Reparto Operativo TPC, sempre sulle tracce dell’arte.


L’esposizione si fonda sugli oggetti che il Reparto Operativo TPC ha fatto rientrare dagli Stati Uniti d’America in un arco temporale compreso fra il dicembre 2021 e la scorsa settimana: un corpus imponente di opere con numerosi pezzi di archeologia di varie civiltà.

Sono reperti che risalgono a diverse attività investigative condotte dai “Carabinieri dell’Arte” in collaborazione con le Autorità statunitensi, sequestrati presso direzioni museali, case d’asta e collezioni private in varie località d’oltreoceano. Avevano sopportato la consueta trafila dei traffici illeciti di settore: scavi clandestini, ricettazione, esportazione illecita. La restituzione all’Italia è avvenuta il 15 dicembre 2021 presso il Consolato generale di New York, ove alcuni pezzi sono rimasti in mostra per qualche mese.

Immagini della mostra

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Enrico de Nicola, 78
00185 Roma

Altri contatti

Altro in programma

date_range undefined undefined

Ulisse e gli altri seconda tappa

Fino al 19 febbraio 2023


Mostre a Roma

in scadenza date_range undefined

L’arcobaleno riposa sulla strada

Fino al 12 febbraio 2023

in scadenza date_range undefined

Virginia Woolf e Bloomsbury

Fino al 12 febbraio 2023

in scadenza date_range undefined

Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO

Fino al 12 febbraio 2023

Ricerche correlate

date_range undefined

bizantini

Fino al 13 febbraio 2023

date_range undefined

Antichi Popoli di Puglia

Fino al 31 marzo 2023

date_range undefined

I creatori dell’Egitto eterno

Fino al 07 maggio 2023

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo