Share
spinner-caricamento

Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea verified

Roma, Lazio, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

in corso Domenico Morelli

La mostra

Lunedì 21 novembre la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea inaugura la mostra DOMENICO MORELLI. Immaginare cose non viste, a cura di Chiara Stefani con Luisa Martorelli.

“Morelli era come il vero artista deve essere, cioè egli sapeva quello che non sapeva, e vedeva ciò che non aveva mai visto”. Così il pittore Eduardo Dalbono lo ricordava poco dopo la sua morte, evocando Le tentazioni di Sant’Antonio come esempio magistrale delle facoltà “intuitive e divinatrici” dell’artista.

A quasi settant’anni dalla Mostra di disegni allestita nel 1955 da Palma Bucarelli a Valle Giulia, Domenico Morelli (Napoli, 1823-1901) torna ad essere protagonista nelle sale Via Gramsci della Galleria Nazionale, come già lo era stato, nel 1907. Era appena stato trasferito, da Napoli a Roma, il fondo costituito da opere grafiche, cartoni, bozzetti e dipinti rimasti nell’atelier dell’artista alla sua morte e acquistato dallo Stato: Francesco Jacovacci, allora Direttore della Galleria Nazionale d’Arte Moderna, lo aveva parzialmente allestito all’interno di quattro sale di Palazzo delle Belle Arti a via Nazionale.


La mostra è l’occasione per vedere un’ampia parte del ricchissimo ed eterogeneo fondo dell’artista insieme ad opere provenienti anche da altre istituzioni pubbliche o da collezioni private, con l’esposizione di una trentina di dipinti e 9 bozzetti, 9 sculture, un corpus di 48 tavolette a olio su legno con dipinti di paesaggio realizzati nella costa a sud di Napoli, un grande cartone a tecnica mista e una cospicua selezione di 160 opere su carta, tra gli oltre 800 fogli appartenenti al fondo Morelli conservato dalla Galleria Nazionale.

La gestazione dei dipinti di Domenico Morelli è un processo di continuo ripensamento delle soluzioni compositive ideate dopo un attento studio sul Vero, i cui singoli elementi vengono analizzati più volte, prima di raggiungere la versione ritenuta ottimale. Mentre il ventaglio di tecniche impiegate dall’artista su carta spazia dall’uso di grafite, carboncino, sanguigna e pastello - accompagnati in vari casi da lumeggiature a

biacca, nonché dall’inchiostro bruno, spesso abbondantemente acquarellato – all’acquerello e alla tempera in varie tonalità, talvolta su tracce di matita, i bozzetti annullano nel colore l’attento studio grafico di ogni foglio ad essi preparatorio.

Immagini della mostra

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Viale delle Belle Arti, 131
00197 Roma

Altri contatti

Altro in programma

date_range undefined undefined

Ciriaco Campus

Fino al 22 gennaio 2023

date_range undefined undefined

Quanto Bentivoglio?

Fino al 29 gennaio 2023

date_range undefined undefined

Daniela Comani

Fino al 29 gennaio 2023

date_range undefined undefined

HOT SPOT

Fino al 26 febbraio 2023


Mostre a Roma

date_range undefined

Eternal struggle of my desire

Fino al 11 dicembre 2022

date_range undefined

Prime Time II

Fino al 16 dicembre 2022

date_range undefined

Casa d'artista. Casa Balla

Fino al 31 dicembre 2022

date_range undefined

Lucciole

Fino al 01 gennaio 2023

Ricerche correlate

date_range undefined

Nuove Tendenze

Fino al 08 gennaio 2023

date_range undefined
date_range undefined

GIUSEPPE MAINARDI

Fino al 29 gennaio 2023

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo