spinner-caricamento
Share
Palazzo Fortuny

Palazzo Fortuny

Palazzo Fortuny, nella città di Venezia, è una casa-museo appartenuta al geniale Mariano Fortuny. 

Dal 1975, anno di apertura del museo, Palazzo Fortuny è uno dei riferimenti a Venezia per le arti visive ed esempio magistrale di gotico veneziano.

Nonostante una serie di criminose spoliazioni degli arredi avvenute negli anni precedenti, il museo che appare come una casa-museo più che un museo vero e proprio, è diventato nel corso degli anni un centro di attività espositive dedicate alle arti visive, conservando però intatte  le caratteristiche di ciò che fu lo studio preferito di Mariano Fortuny al primo piano nobile.

Cosi come intatta è la sua preziosa biblioteca: ricchissima anch’essa di arredi, di oggetti e di preziosi volumi d’arte e di tecnica. Dalla raccolta dei dipinti, ai preziosi tessuti che rivestono interamente le pareti, alle celebri lampade, tutto è testimonianza della geniale ispirazione dell’artista tra sperimentazione e innovazione, tutto è testimonianza della sua presenza sulla scena intellettuale e artistica internazionale a cavallo tra '800 e '900.

Le collezioni museali di Palazzo Fortuny sono costituite da un ricco fondo di opere e materiali che ben rappresentano i diversi esiti della ricerca dell’artista: la pittura, la scultura, l’illuminotecnica, il teatro, la fotografia, il tessile e gli abiti. Numerose sono anche le opere d’arte ereditate dal padre, Mariano Fortuny Marsal, amorevolmente custodite sin dalla prematura scomparsa del pittore catalano.


Inoltre nuove collezioni e fondi archivistici, frutto di donazioni, trasferimenti e lasciti di artisti e fotografi, hanno implementato il già consistente patrimonio artistico conservato.

Gli spazi

Orari e biglietti

Indirizzo

San Marco 3958,
30124 Venezia

Altri contatti

Scopri tutte le sedi: MUVE - Fondazione Musei Civici di Venezia


Altri musei a Venezia

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo