Share
spinner-caricamento

Pav - Parco Arte Vivente verified

Torino, Piemonte, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

conclusa LA NATURA E LA PREDA
.

La mostra

il PAV Parco Arte Vivente presenta la mostra collettiva La Natura e la Preda, che affronta il tema della memoria coloniale attraverso i lavori di Irene Coppola, Edoardo Manzoni, Daniele Marzorati e Alessandra Messali. Lontano dall'essere una condizione innata, indifferente alle circostanze, l'essere preda è un posizionamento che viene conferito in rapporto ad altri soggetti, l'oggetto della strategia mirata del predatore. Possiamo dire che qualcosa diventa preda – e quindi cacciabile – per effetto di un processo di distinzione, gerarchizzazione o esclusione da ordini condivisi.


Per tracciare una teoria della preda è necessario pensare sia alle politiche della rappresentazione, sia ai modi in cui il potere costruisce le identità sociali attraverso la repressione.  Rispetto ad altre strategie di conflitto, la caccia non è una lotta tra pari, ma prevede un disequilibrio originario dato dalla supremazia materiale del cacciatore. Confrontarsi oggi con la memoria coloniale, italiana e non solo, non significa avere a che fare soltanto con un passato dimenticato e rimosso: le forme di oppressione che pensavamo di aver lasciato ai tempi dello schiavismo o della piantagione, riemergono nelle riconfigurazioni neo-arcaiche spinte dalla potenza delle politiche economiche neoliberiste.


Preda, che ha la stessa etimologia del verbo prendere, è sempre qualcosa che si acquista con la violenza e la cattura ed è un’azione che abbiamo legittimato e attribuito alla natura. Costruire una teoria della preda può costituire uno strumento importante nell'affrontare la drammatica attualità della memoria coloniale: i quattro artisti emergenti invitati nella mostra non sono dei naturalisti, ma archeologi di una storia sociale della natura, che indagano lavorando sulle rappresentazioni dell’esotico, della caccia, della sperimentazione coloniale sulle piante. Le scene di caccia, le trappole e i richiami per uccelli di Edoardo Manzoni riflettono sull’estetizzazione della violenza delle immagini prodotte in Africa durante il periodo coloniale. La rappresentazione della “bestia” domata e uccisa, esasperate al fine di rendere la battuta di caccia un’impresa eroica, è funzionale alla caccia grossa come strumento esotizzante, metafora dell'assoggettamento delle popolazioni. Il progetto di Daniele Marzorati, a sua volta, ripercorre alcune delle tracce fisiche del rimosso coloniale nel territorio italiano, una ricerca fotografica che attiva connessioni tra il potere normativo della storia ufficiale e oggetti apparentemente neutrali, guardando al legame tra fascismo, colonialismo e razzismo avvalendosi dei concetti di “razza” e “razzializzazione”, così come espressi da Mellino, ossia la gerarchizzazione attraverso l’ideologia della “razza”, che invisibilmente permane nella struttura sociale italiana. 

Immagini della mostra

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Giordano Bruno, 31,
10100 Torino

Altri contatti

Altro in programma

date_range Pav - Parco Arte Vivente Pav - Parco Arte Vivente

Mostre a Torino

date_range Fondazione 107

OMBRE ATOMICHE

Fino al 10 luglio 2022

date_range Fondazione 107

LO SGUARDO NEL MIRINO

Fino al 10 luglio 2022

date_range Musei Reali Torino

Splendori della tavola

Fino al 17 luglio 2022

date_range Musei Reali Torino

NEL SEGNO DI RAFFAELLO

Fino al 17 luglio 2022

Ricerche correlate

in scadenza date_range Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Roberto Almagno

Fino al 28 giugno 2022

in scadenza date_range Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Antonello Viola

Fino al 28 giugno 2022

in scadenza date_range Cascina I.D.E.A.

Belén Uriel

Fino al 30 giugno 2022

in scadenza date_range Fondazione Stelline

Steven Scott Odyssey

Fino al 03 luglio 2022

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo