Loading
IT
EN
FR
DE
ES
IT
EN
FR
DE
ES
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
25 Years of Always Stress with BLESS Mostra tutte le foto
conclusa

25 Years of Always Stress with BLESS

Dal 9 febbraio al 12 maggio 2024

MACRO - Museo d'arte contemporanea

MACRO - Museo d'arte contemporanea

Via Nizza, 138, Roma

Chiuso oggi: apre domani alle 12:00

Profilo verificato


25 Years of Always Stress with BLESS è una mostra dedicata al duo parigino e berlinese Bless, studio transdisciplinare che lavora ai confini tra moda, design e interventi nello spazio in forma di oggetti o di costellazioni di oggetti. Nata nel 1995 dalla collaborazione di Desiree Heiss e Ines Kaag, Bless si identifica spesso come una persona: i prodotti che crea e indossa sono al contempo pratici e surreali, non fa sfilate, non crea mostre, le sue collezioni resistono al tempo e allo spazio, sebbene incarnino e abbraccino la realtà: la casa, l’ufficio, la città, il museo.


Bless, anche conosciuta come Bless Service, emerge negli anni Novanta come risposta sperimentale e anti-mercato in un momento in cui l’industria della moda e i suoi marchi hanno iniziato a permeare e definire la cultura popolare a un ritmo senza precedenti. Le “situation designer”, come si definiscono Heiss e Kaag, partono con la realizzazione di capi di abbigliamento per poi rapidamente includere tutto ciò che riguarda il vestire e l’abitare in senso lato. La loro prima edizione BLESS Debut (1995), un unico top a tubo in nylon trasparente, intitolato Suntop, imposta il tono dei decenni successivi: collezioni minimali, composte da un numero variabile di modelli, fortemente caratterizzate da dichiarazioni linguistiche e visive, istruzioni o narrazioni che evocano la realtà o altre realtà possibili. Bless inizia così a creare come se nulla fosse definito a priori, dalla struttura di un marchio alla natura di una sfilata, fino al design di una spazzola per capelli. Per esempio, con N° 05, Subscribe BLESS, hanno dato vita a una collezione in edizione limitata senza prodotti rivolta a ottenere il sostegno dei clienti, invitandoli a diventare produttori onorari di Bless in vista delle future collezioni, aggirando così le strutture economiche del settore. Ogni occasione, collezione o edizione mette in discussione in modo giocoso ma sempre rigoroso lo status quo: collaborazioni più o meno formali con altri designer e marchi, espansioni al di fuori del campo dell'abbigliamento e dell'industria della moda, indagini sulla fotografia di moda o sul tema dell'over-design. Nel 1998, con BLESS N° 07, Living-Room Conquerors, le stiliste realizzano capi per "vestire" gli oggetti domestici e con N° 17, Design Relativators (2002) si spingono ancora oltre tentando di "neutralizzare" e far scomparire gli aspetti più manipolativi e orientati al mercato di elettrodomestici, automobili e altri oggetti funzionali.

Leggi di più

Altro in programma

al MACRO - Museo d'arte contemporanea

Altre Mostre

a Roma

Ricerche correlate

CUBA INTROSPETTIVA
COLORESCENZE
Ambienti 1956-2010
Expanded With