Share
spinner-caricamento
conclusa Women.

La mostra

Bologna, 22 maggio 2020 – La firma del DPCM in vigore dal 18 maggio riapre anche le porte della Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna, celebre per il complesso scultoreo del Compianto sul Cristo Morto di Niccolò dell’arca, che nell’Oratorio ospita dallo scorso 15 febbraio “Women. Un mondo in cambiamento”, mostra fotografica a cura di National Geographic in collaborazione con Genus Bononiae. Musei nella città e Fondazione Carisbo: un viaggio per immagini sulla condizione femminile che attraversa ogni latitudine e 100 anni di storia delle donne, viste dall’obiettivo dei – e delle - grandi reporter della National Geographic Society.


Dato lo straordinario successo registrato nelle settimane immediatamente precedenti il lockdown, la mostra viene prorogata fino al prossimo 13 settembre: non sarà necessaria la prenotazione, ma per effetto delle misure per il contenimento dell’emergenza sanitaria l’accesso sarà consentito ad un massimo di 60 persone alla volta, in modo da garantire il giusto distanziamento fisico tra le persone e permettere ai visitatori di visitarla in totale sicurezza. Altra novità, l’apertura della mostra anche al lunedì a partire dal 1 giugno (fino a quella data gli orari di ingresso saranno dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 19.00). 

Immagini della mostra

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Clavature, 8/10
40124 Bologna

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Mostre a Bologna

date_range undefined

ANIMALI FANTASTICI

Fino al 05 maggio 2024

date_range undefined

Squali e Abissi

Fino al 30 giugno 2024

date_range undefined

Mario De Maria, “Marius Pictor”

Fino al 30 giugno 2024

date_range undefined

Da Felice Giani a Luigi Serra

Fino al 30 giugno 2024

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo