Share
Museo Civico delle Cappuccine

Museo Civico Delle Cappuccine

Il Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo è un istituto culturale comunale, nato nel 1976 negli spazi dell’ex convento delle suore Clarisse Cappuccine di San Girolamo. Il ricco patrimonio conservato nel museo si articola in varie sezioni: la Sezione d’arte antica raccoglie pregevoli testimonianze artistiche dal XV al XIX secolo provenienti per lo più dal territorio, con opere di grande interesse di artisti come Bartolomeo Ramenghi, Andrea Lilio, Felice Cignani e Ferraù Fenzoni. Affascinanteè inoltre il percorso della Sezione del Novecento, dove si alternano capolavori pittorici di Remo Brindisi, Virgilio Guidi, Ernesto Treccani, Enzo Morelli e molti altri con la pregevole collezione di sculture“Vittorio dal Borgo”, che raccoglie opere tra gli altri di Medardo Rosso, Giacomo Manzù, Tullio Figini e Giovanni Prini.

Ma il museoè oggi conosciuto a livello nazionale come una delle realtà più attive in Italia nel settore della grafica d’arte, questo grazie all’intensa attività di ricerca, di documentazione e di valorizzazione del linguaggio incisorio portato avanti con costanza negli ultimi anni. Il Gabinetto delle Stampe del museo conserva oggi un patrimonio ricchissimo, che con più di 13.000 stampe conservate si configura come una delle più importanti collezioni italiane sull’incisione contemporanea. Sul fronte espositivo, in particolare, il museo sta perseguendo un importante filone di indagine sui più grandi artisti internazionali che hanno saputo esprimere massimamente la loro grandezza attraverso l’incisione: la grande mostra su Albrecht Dürer (2019)è solo l’ultimo di una serie di progetti espositivi di successo che hanno proposto all’attenzione del pubblico l’arte di Marc Chagall (2016), Francisco Goya (2017) e Max Klinger (2018). A partire dal 2015 inoltre il Museo Civico delle Cappuccine organizza la Biennale di incisione«Giuseppe Maestri», manifestazione artistica di rilevanza nazionale che nelle sue due prime edizioni ha coinvolto più di un centinaio di artisti contemporanei tra le città di Bagnacavallo e Ravenna.

Sempre sul fronte della grafica d’arte recentemente il Museo Civico delle Cappuccine ha inaugurato un progetto di grande innovatività basato sulle tecnologie digitali: il Repertorio digitale dell’incisione italiana contemporanea. Tale strumento raccoglie e mette a disposizione le schede informative di più di 1.500 incisori e le schede di catalogo (con immagini) di quasi 13.000 opere grafiche conservate nel Gabinetto delle Stampe. La banca dati mette inoltre a disposizione altri preziosi strumenti per la rappresentazione dei fatti significativi dell’arte incisoria nel nostro paese, come ad esempio il monitoraggio dei principali premi artistici che hanno illustrato, e continuano ad illustrare, le linee di tendenza di questo linguaggio artistico così antico e di grandi potenzialità espressive. Il Repertorio digitale raccoglie le informazioni su queste manifestazioni, consentendo non solo di ricostruire automaticamente nelle schede degli artisti la memoria delle loro presenze a questi importanti eventi o dei premi da loro conseguiti, ma di fatto anche di ricostruire la storia recente dell’incisione italiana e dei suoi protagonisti.

Gli spazi

Collezione Permanente

Orari e biglietti

Indirizzo

via Vittorio Veneto 1/a
48012 Bagnacavallo

Altri contatti


Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento