spinner-caricamento
Share

Madre - Museo d’arte Contemporanea Donnaregina verified

Napoli, Campania, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Jan Fabre - L’uomo che misura le nuvole
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto Spaziale, Attese
fullscreen
Jannis Kounellis - Senza titolo
fullscreen
Anish Kapoor - Dark Brother
fullscreen
Michelangelo Pistoletto - Venere degli stracci
fullscreen
Jeff Koons - Senza titolo
fullscreen
Andy Warhol - Beuys by Warhol
fullscreen
Agostino Bonalumi - Senza Titolo
fullscreen
Getulio Alviani -  Textura vibratile
fullscreen
Giovanni Anselmo - Invisibile
fullscreen
Gianni Piacentino - Dark Prussian – Blue Portal IV
fullscreen
Francesco Clemente - Ave Ovo
fullscreen
Giovanna Bianco; Pino Valente - Il mare non bagna Napoli
fullscreen
Daniel Buren - Axer / Désaxer
fullscreen
Léa Lublin - Senza Titolo
fullscreen
Fausto Melotti - L'amore
fullscreen
Sol LeWitt - Scribbles
fullscreen
Gianfranco Baruchello - Il mio cinema
fullscreen
Giulio Paolini - Dilemma
fullscreen
Emilio Isgrò -
fullscreen
Mimmo Paladino - Senza Titolo
fullscreen
Paul Thorel - “Passaggio della Vittoria”
Jan Fabre - L’uomo che misura le nuvole
Lucio Fontana - Concetto Spaziale, Attese
Jannis Kounellis - Senza titolo
Anish Kapoor - Dark Brother
Michelangelo Pistoletto - Venere degli stracci
Jeff Koons - Senza titolo
Andy Warhol - Beuys by Warhol
Agostino Bonalumi - Senza Titolo
Getulio Alviani -  Textura vibratile
Giovanni Anselmo - Invisibile
Gianni Piacentino - Dark Prussian – Blue Portal IV
Francesco Clemente - Ave Ovo
Giovanna Bianco; Pino Valente - Il mare non bagna Napoli
Daniel Buren - Axer / Désaxer
Léa Lublin - Senza Titolo
Fausto Melotti - L'amore
Sol LeWitt - Scribbles
Gianfranco Baruchello - Il mio cinema
Giulio Paolini - Dilemma
Emilio Isgrò -
Mimmo Paladino - Senza Titolo
Paul Thorel - “Passaggio della Vittoria”

Altre opere esposte

Descrizione

La nuova commissione per la collezione del museo è stata pensata per essere collocata sul terrazzo, che domina a 360 gradi il quartiere circostante di San Lorenzo, fino al Vesuvio e al mare, appena intravedibile in lontananza. Il mare non bagna Napoli cita fin dal suo titolo quello del libro pubblicato da Anna Maria Ortese nel 1953, una raccolta di racconti che restituisce le difficoltà, il dramma e la sofferenza della Napoli del dopoguerra con sguardo critico, talvolta impietoso. L’affermazione, all’apparenza assurda, nasconde una riflessione amara: laddove il mare è sinonimo di apertura e di possibilità, allora Napoli non può essere bagnata dalle stesse acque che offrono una via di fuga e di riscatto. Bianco-Valente riprende questo assunto doloroso, mostrandone l’aspetto più paradossale: dal terrazzo è infatti visibile, anche se in lontananza, lo stesso mare che la frase rinnega, attivando un cortocircuito tra significato e significante. Le parole che compongono la scritta sono realizzate in ferro: la discontinuità della superficie, lasciata allo stato grezzo ma coperta da un generoso strato di pittura che sarà ripreso ogni anno dagli artisti, rafforza la ruvidezza delle parole e rimanda ad uno stato di tensione mai risolto, difficile da “appianare” ma, per questo, drammaticamente autentico.

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Altre opere a Napoli

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo