spinner-caricamento
Share

Madre - Museo d’arte Contemporanea Donnaregina verified

Napoli, Campania, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Jan Fabre - L’uomo che misura le nuvole
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto Spaziale, Attese
fullscreen
Jannis Kounellis - Senza titolo
fullscreen
Anish Kapoor - Dark Brother
fullscreen
Michelangelo Pistoletto - Venere degli stracci
fullscreen
Jeff Koons - Senza titolo
fullscreen
Andy Warhol - Beuys by Warhol
fullscreen
Agostino Bonalumi - Senza Titolo
fullscreen
Getulio Alviani -  Textura vibratile
fullscreen
Giovanni Anselmo - Invisibile
fullscreen
Gianni Piacentino - Dark Prussian – Blue Portal IV
fullscreen
Francesco Clemente - Ave Ovo
fullscreen
Giovanna Bianco; Pino Valente - Il mare non bagna Napoli
fullscreen
Daniel Buren - Axer / Désaxer
fullscreen
Léa Lublin - Senza Titolo
fullscreen
Fausto Melotti - L'amore
fullscreen
Sol LeWitt - Scribbles
fullscreen
Gianfranco Baruchello - Il mio cinema
fullscreen
Giulio Paolini - Dilemma
fullscreen
Emilio Isgrò -
fullscreen
Mimmo Paladino - Senza Titolo
fullscreen
Paul Thorel - “Passaggio della Vittoria”
Jan Fabre - L’uomo che misura le nuvole
Lucio Fontana - Concetto Spaziale, Attese
Jannis Kounellis - Senza titolo
Anish Kapoor - Dark Brother
Michelangelo Pistoletto - Venere degli stracci
Jeff Koons - Senza titolo
Andy Warhol - Beuys by Warhol
Agostino Bonalumi - Senza Titolo
Getulio Alviani -  Textura vibratile
Giovanni Anselmo - Invisibile
Gianni Piacentino - Dark Prussian – Blue Portal IV
Francesco Clemente - Ave Ovo
Giovanna Bianco; Pino Valente - Il mare non bagna Napoli
Daniel Buren - Axer / Désaxer
Léa Lublin - Senza Titolo
Fausto Melotti - L'amore
Sol LeWitt - Scribbles
Gianfranco Baruchello - Il mio cinema
Giulio Paolini - Dilemma
Emilio Isgrò -
Mimmo Paladino - Senza Titolo
Paul Thorel - “Passaggio della Vittoria”

Altre opere esposte

Descrizione

L’opera in collezione, L’amore, suggerisce sin dal titolo l’aspirazione della scultura a quelli che sono sentimenti propriamente umani: basata sulla purezza degli elementi che la compongono, in silenzioso dialogo tra loro, l’opera racchiude una sensualità allusiva, grazie alla quale le forme astratte acquistano un’inaspettata corporeità. Come in molti altri lavori di Melotti, la luce svolge un ruolo cruciale nell’animare e trasformare le superfici, facendosi punto di giunzione tra idea e materia, razionalità e immaginazione, visibile e invisibile, processo e portato finale. Nel 1971, stesso anno di realizzazione dell’opera, Italo Calvino scrive dell’opera di Melotti nel libro Lo spazio inquieto, sottolineando delle sue sculture la “vibrante immobilità”, espressione che descrive perfettamente anche L’amore quale binomio tra aspirazione ideale e tensione vitale. La versatilità linguistica di Melotti e la sua poliedrica attività sono state al centro della mostra antologica che il museo Madre ha dedicato all’artista nel 2011.

Altre opere a Napoli

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo