Share

Museo Canova verified

Possagno, Veneto, IT in chiusura visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Antonio Canova - Venere con lo specchio
fullscreen
Antonio Canova - Venere con Fauno
fullscreen
Antonio Canova - Venere e Adone
fullscreen
Antonio Canova - Le Grazie
fullscreen
Antonio Canova - Autoritratto
fullscreen
Antonio Canova - Amorino Lubomirski
fullscreen
Antonio Canova - Creugante
fullscreen
Antonio Canova - Teseo vincitore del Centauro
fullscreen
Antonio Canova - Amore e Psiche
fullscreen
Antonio Canova - Teseo sul Minotauro
fullscreen
Antonio Canova - Danzatrice con le mani sui fianchi
fullscreen
Antonio Canova - Danzatrice col dito al mento
fullscreen
Antonio Canova - La Sorpresa
fullscreen
Antonio Canova - Le Grazie e Venere danzano davanti a Marte
fullscreen
Antonio Canova - Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice
fullscreen
Thomas Lawrence - Ritratto di Antonio Canova
fullscreen
Antonio Canova - Cefalo e Procri
fullscreen
Antonio Canova - Venere e Marte
Antonio Canova - Venere con lo specchio
Antonio Canova - Venere con Fauno
Antonio Canova - Venere e Adone
Antonio Canova - Le Grazie
Antonio Canova - Autoritratto
Antonio Canova - Amorino Lubomirski
Antonio Canova - Creugante
Antonio Canova - Teseo vincitore del Centauro
Antonio Canova - Amore e Psiche
Antonio Canova - Teseo sul Minotauro
Antonio Canova - Danzatrice con le mani sui fianchi
Antonio Canova - Danzatrice col dito al mento
Antonio Canova - La Sorpresa
Antonio Canova - Le Grazie e Venere danzano davanti a Marte
Antonio Canova - Paolina Borghese Bonaparte come Venere vincitrice
Thomas Lawrence - Ritratto di Antonio Canova
Antonio Canova - Cefalo e Procri
Antonio Canova - Venere e Marte

Altre opere esposte

Descrizione

Scolpita da un unico blocco di purissimo marmo di Carrara, la statua di Paolina Bonaparte come Venere vincitrice emerge al centro della sala 1 della Galleria Borghese di Roma. Antonio Canova aveva cominciato ad occuparsi dell’opera già nel 1804, su commissione del principe Camillo Borghese. Inizialmente il marito la collocò a Palazzo Chablais a Torino e scelse per lei una destinazione solamente privata. Era l’anno dell’incoronazione del fratello di lei, Napoleone Bonaparte, ad imperatore. Proprio la scultura della sorella sarebbe diventata uno dei principali simboli dell’ascesa politica dei Napoleonidi in Europa. Alcuni disegni preparatori testimoniano che l’artista aveva studiato a lungo il soggetto e le sue possibili composizioni. Quattro di questi sono conservati al Museo Biblioteca Archivio di Bassano del Grappa. La donna, su sua personale richiesta, venne rappresentata nella posa e nell’atteggiamento solitamente dedicati a Venere, la dea greca della Bellezza. Come racconta il celebre mito, attraverso una sorta di concorso, Paride scelse la più bella tra le dee premiandola con un pomo d’oro, lo stesso che Paolina tiene nella mano sinistra. Il corpo e la sua stessa posa, inoltre, riflettono alcuni modelli compositivi antichi, specialmente del periodo augusteo. La donna, infatti, è languidamente distesa su un’agrippina, ovvero una poltrona allungata e fornita di un unico bracciolo, sul quale appoggia il braccio destro. Il busto è eretto e completamente nudo, mentre la parte inferiore è semicoperta da una veste leggera, che rende la donna pudica e sensuale al tempo stesso e carica la statua di un forte erotismo. Curiosa, infatti, l’atmosfera di scandalo che suscitò all’epoca l’ipotetica posa nuda nello studio dell’artista. Il volto è idealizzato, perfetto nella sua concretizzazione, e sembra rivolgere lo sguardo direttamente allo spettatore che la sta ammirando. Le fattezze divine la innalzano al di fuori di ogni realtà terrena: è restituita alla dimensione umana solo grazie alla presenza del braccialetto sul polso destro, del nastro sui capelli e a una speciale patina rosa che Canova applicò sulle parti epidermiche per imitare il colore dell’incarnato e conferirle una lieve parvenza di vita. Ai cuscini e al divano, riccamente dettagliati, è conferita nel loro insieme una realistica ed invitante morbidezza, mentre l’intera struttura gode di un meccanismo che le permetteva di ruotare. Il modello in gesso, a causa dei bombardamenti della guerra che colpirono gran parte della collezione, fu decapitato, privato della mano destra che era appoggiata sulla guancia, delle dita della mano sinistra e di parte del piede sinistro. Nell’autunno del 2003, grazie all’applicazione di nuove tecnologie, con una scansione informatizzata dal marmo di Roma è stata possibile la ricostruzione delle parti mancanti, procedendo poi alla loro reintegrazione.

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento