spinner-caricamento
Share

Museo di Arti Decorative Accorsi-Ometto verified

Torino, Piemonte, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Pietro Piffetti - Doppio-corpo a ribalta
fullscreen
Pietro Piffetti - Cassettone
fullscreen
Pietro Piffetti - Cofano-forte
fullscreen
Doppio-corpo a ribalta
fullscreen
Cassettone “a mezzaluna”
fullscreen
Poltrona
fullscreen
Luigi Prinotto - Inginocchiatoio
fullscreen
La Venditrice di Amorini
fullscreen
Francesco Ladatte - Il Trionfo della Virtù incoronata da geni e attorniata dalle Arti Liberali
fullscreen
Ritratto di Maria Luisa Gabriella di Savoia da bambina
fullscreen
Marcello Coffermans - Storie della Passione di Cristo
fullscreen
Madonna in trono con Bambino e quattro santi
fullscreen
Madonna delle Nevi
fullscreen
Tabacchiera “di presentazione” di Vittorio Emanuele II di Savoia
fullscreen
Tabacchiera di presentazione con il ritratto di Napoleone Bonaparte
fullscreen
Giovanni Battista Tana - Caffettiera
fullscreen
Porta pot-pourri
fullscreen
Portagioielli
fullscreen
Porta pot-pourri
fullscreen
Pendola “all’Elefante”
fullscreen
Vassoio da parata
Pietro Piffetti - Doppio-corpo a ribalta
Pietro Piffetti - Cassettone
Pietro Piffetti - Cofano-forte
Doppio-corpo a ribalta
Cassettone “a mezzaluna”
Poltrona
Luigi Prinotto - Inginocchiatoio
La Venditrice di Amorini
Francesco Ladatte - Il Trionfo della Virtù incoronata da geni e attorniata dalle Arti Liberali
Ritratto di Maria Luisa Gabriella di Savoia da bambina
Marcello Coffermans - Storie della Passione di Cristo
Madonna in trono con Bambino e quattro santi
Madonna delle Nevi
Tabacchiera “di presentazione” di Vittorio Emanuele II di Savoia
Tabacchiera di presentazione con il ritratto di Napoleone Bonaparte
Giovanni Battista Tana - Caffettiera
Porta pot-pourri
Portagioielli
Porta pot-pourri
Pendola “all’Elefante”
Vassoio da parata

Altre opere esposte

Descrizione

Ideato da Christian Gottfried Juechtzer tra l’agosto del 1785 e il gennaio del 1786, il gruppo in biscuit riprende l’iconografia di un affresco rinvenuto nella villa di Arianna durante gli scavi di Stabia, iniziati nel 1749. Il soggetto della “venditrice di amorini” incontrò un immediato successo grazie ai numerosi artisti che lo riprodussero nelle loro opere, come Jacques-Louis David e Joseph-Marie Vien.  L’opera è una delle più interessanti prodotte a Meissen nel periodo di direzione del conte Camillo Marcolini (1774-1814), grande esperto ed estimatore di antichità classiche. Al mondo oggi se ne conoscono pochi altri esemplari, tutti conservati in musei di arti decorative.


Altre opere a Torino

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo