Share
spinner-caricamento
in corso WILL BENEDICT

La mostra

Operando all'interno di un processo di decostruzione, ibridazione e ricomposizione dell'immagine, l'artista Will Benedict utilizza diversi media - dalla pittura al video, dal disegno alla fotografia fino alla cura di progetti espositivi - per riflettere sugli elementi costitutivi della rappresentazione e sulle modalità di interpretarlo e inquadrarlo, sia visivamente che concettualmente. L'eterogeneità compositiva e materica delle sue opere, spesso caratterizzate dalla coesistenza di molteplici livelli semiotici, crea un senso di impegnata ambivalenza. In particolare, i suoi lavori video raffigurano mondi che sovvertono sia i codici dell'intrattenimento popolare che le convenzioni dell'avanguardia incorporati in video musicali, pubblicazioni di moda, tutorial su YouTube, riviste, pubblicità, televisione e film.


Il titolo della mostra, Idéal Pain (che letteralmente significa 'Ideal Bread' in francese, ma anche 'Ideal Pain' in inglese), gioca sull'ordine invertito delle parole e sul doppio significato tra le due lingue parlate dall'artista, nato a negli Stati Uniti ma vive e lavora a Parigi. Il suo è un riferimento alla "gig economy", alle condizioni di lavoro precarie, alle organizzazioni del lavoro mordi e fuggi e all'industria alimentare come indicatore di disuguaglianza, consumismo, spreco e scarsità.


Come afferma l'artista: "Mi interessa mettere insieme le cose che trovo con le cose che creo. Posso creare mondi con confini sfocati in cui non siamo sicuri di cosa stia succedendo esattamente o chi sia effettivamente responsabile di tutto ciò. Come ho già detto in più occasioni, a volte mi sento autorizzato a svelare la storia di un oggetto ea volte l'oggetto ti avvolge, prende il controllo del tuo corpo e sei solo una specie di zombi. Ma in ogni caso sono io quello che è responsabile".


Creando un intervento site-specific, immersivo e disorientante, Benedetto divide lo spazio in realtà parallele, a cui il visitatore accede attraverso una serie di porte ai lati delle quali espone, per la prima volta in Italia, Degrees of Disgust (2019) e Scimpanzé arrabbiato (2022).

Immagini della mostra

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Nicola Ricciotti, 4
00195 Roma

Altri contatti


Mostre a Roma

in scadenza date_range Palazzo Merulana

UltraQueer

Fino al 03 luglio 2022

date_range Fondazione Pastificio Cerere

The world that I dream

Fino al 20 luglio 2022

date_range Accademia Nazionale di San Luca

Grazia Toderi

Fino al 30 luglio 2022

date_range Palazzo Barberini

Ricerche correlate

in scadenza date_range Cascina I.D.E.A.

Belén Uriel

Fino al 30 giugno 2022

in scadenza date_range Pinacoteca Ambrosiana

MATTIOLI/CARAVAGGIO

Fino al 03 luglio 2022

in scadenza date_range Fondazione Stelline

Steven Scott Odyssey

Fino al 03 luglio 2022

in scadenza date_range Museo nazionale Collezione Salce - San Gaetano

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo