Share
spinner-caricamento

Istituto Svizzero verified

Roma, Lazio, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

conclusa Poetry for Revolutions

La mostra

Poetry for Revolutions. A Group Show with Manifestos and ProposalsUn progetto collaborativo tra Istituto Svizzero (Roma) e Cabaret Voltaire (Zurigo) con Bassem Saad, Ceylan Öztrük, Guerreiro do Divino Amor, Giorgio Zeno Graf, Industria Indipendente, Ivona Brđanović, Maya Olah, Mathis Pfäffli, Michèle Graf & Selina Grüter, MigrArt/DACZ (Deniz Damla Uz & Niştiman Erdede), Ramaya Tegegne, RM, Sandra Mujinga, Shirana Shahbazi e Ursula Biemann.


I manifesti hanno avuto un ruolo cruciale come strumento stilistico nelle avanguardie storiche come il Futurismo e il Dada. Venivano utilizzati per esprimere convinzioni e critiche in modo tangibile e manifesto, come suggerisce la parola di origine latina ‘manifestus’. Piuttosto che preservare le apparenze, l’arte mirava a rivelare, agire e trasformare il mondo e l’esperienza umana. Nella mostra Poesia per le Rivoluzioni, artiste/i e scrittrici/scrittori contemporanee/i rispondono con i loro linguaggi artistici unici a complesse crisi globali o riflettono sulla cultura della condivisione e della manifestazione delle idee. Lo fanno in un momento in cui i manifesti e i monumenti sono spesso considerati superati, mentre l’attualità richiede un coinvolgimento diretto, chiedendo di ricordare il passato e di sfidare lo status quo. L’arte va al di là di un riflesso unidimensionale della realtà, ma si impegna con essa condensando, isolando, differenziando, confondendo e disarticolando, con mezzi poetici, radicali, sottili o concreti. Ciò solleva domande sul ruolo del manifesto e sulla misura in cui l’arte forma le persone politicamente o genera uno spazio pseudo-politico.


Numerose/i artiste/i e scrittrici/scrittori creano manifesti sotto forma di testi o opere visive, da esporre a Roma e a Zurigo. In entrambi gli spazi espositivi saranno disponibili fotocopie dei manifesti che il pubblico potrà prendere con sé e condividere. Ceylan Öztrük coreografa le mostre attraverso un grande intervento scultoreo e un display per i manifesti fotocopiati, concentrandosi sul modo in cui le informazioni circolano formalmente e su chi si sente autorizzato a condividere quali conoscenze. A Roma, alcune/i artiste/i contribuiscono con opere aggiuntive. Inoltre, due vetrine offrono uno specifico approfondimento storico sul movimento femminista in Italia negli anni Sessanta e Settanta, con manifesti e documenti dell’artista Anna Oberto, del collettivo napoletano Le Nemesiache e di Rivolta Femminile.La mostra è completata da un programma di eventi collaterali.

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Ludovisi, 48
00187 Roma

Altri contatti

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Mostre a Roma

in scadenza date_range undefined

Nico Vascellari

Fino al 25 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined
in scadenza date_range undefined

Love Difference

Fino al 25 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined

Emilio Isgrò, Mario Botta

Fino al 25 febbraio 2024

Ricerche correlate

in scadenza date_range undefined

Michelangelo Pistoletto

Fino al 25 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined

MICHELE LIPARESI E SARA VASINI

Fino al 25 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined

LUCIA BUBILDA NANNI

Fino al 25 febbraio 2024

in scadenza date_range undefined

Giuseppe Gavazzi

Fino al 25 febbraio 2024

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo