Share

Il Parco Archeologico di Pompei si trova nell’omonima città e conserva l’antica città devastata dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.. Nel corso dei secoli la città rimase coperta da un manto di cenere e solo le porzioni di edifici dei piani superiori erano visibili. Alla fine del Cinquecento, il conte Muzio Tuttavilla fece costruire dall’architetto Domenico Fontana un canale per condurre l’acqua in città e, durante gli scavi, furono rinvenute delle strutture, oggetti e iscrizioni. Solo nel 1748 si iniziò a scavare per rinvenire la città sommersa. Grazie a re Carlo III di Borbone e ai suoi successori fino a dopo l’Unità d’Italia è stato possibile riportare alla luce gran parte dell’area archeologica. La maggior parte delle aree rinvenute fanno riferimento ad abitazioni private, le cosiddette domus. I ritrovamenti di Pompei hanno favorito gli studi sugli sviluppi delle abitazioni romane e la loro struttura. Sicuramente di gran pregio sono gli affreschi in stile “pompeiano” con colori simili al rosso, giallo, bianco e nero. Pompei è un sito unico nel suo genere, costituisce una città in cui il tempo si è fermato ed ancora oggi è possibile rivivere il foro (l’antica piazza commerciale), le terme, le vie commerciali e la necropoli. In perfetto stato di conservazione sono le strade lastricate in pietra dove si possono notare i passaggi dei carri ed il segno incisivo delle ruote. Un’importante sezione è dedicata ai calchi ovvero gli scheletri delle vittime dell’eruzione rinvenuti nelle stesse posizioni in cui morirono. Più di 100 calchi costituiscono delle preziose testimonianze di una tragedia senza epoca.

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Plinio, 26
80045 Pompei

Non sei ancora registrato?

Non perdere di vista le migliori mostre e gli appuntamenti più interessanti!

registrati

Ricerche correlate

spinner-caricamento