Share
spinner-caricamento
conclusa Vesperbild.

La mostra

A cura di Antonio Mazzotta e Claudio Salsi in collaborazione con Agostino Allegri e Giovanna Mori

Accolta nelle sale dell’Antico Ospedale Spagnolo del Castello Sforzesco di Milano, la mostra Vesperbild. Alle origini delle Pietà di Michelangelo si propone di illustrare la fortuna italiana del tema del Vesperbild(immagine del vespro), che in Italia prende il nome di Pietà.
La mostra ripercorre i diversi snodi e gradi dello sviluppo di questa iconografia a partire dai primi esempi nordici fino ad arrivare all’interpretazione classicheggiante fornita da Michelangelo nellaPietà vaticana (di cui in mostra sarà presente il calco) e destinata a condizionare la percezione del tema nei secoli a venire.

La presenza della Pietà Rondanini di Michelangelo nel Museo a lei dedicato, adiacente alla mostra, sottolinea il tema del “ritorno alle origini”: con quest’opera  si assiste alla volontà del maestro di tornare, sul finire della sua vita, all’espressività delle più antiche forme del Vesperbild.

La mostra propone una raccolta di ventiquattro opere d’arte, tra sculture, dipinti, disegni, incisioni e miniature,  provenienti da importanti istituzioni internazionali, come il Musée du Louvre, il British Museum, il Victoria and Albert Museum e la Liebieghaus di Francoforte sul Meno; oltre che da rilevanti istituzioni italiane e milanesi quali la Biblioteca Trivulziana e il Museo Poldi Pezzoli.

Sono presenti opere di grandi artisti italiani quali Cosmé Tura, Francesco del Cossa, Ercole de’ Roberti, Giovanni Bellini, Perugino e, per la prima volta, è esposta al pubblico la Pietà di Vittore Carpaccio, oggi in collezione privata.

Il percorso espositivo, progettato da Andrea Perin, è articolato in tre sezioni e intende raccontare la storia del Vesperbild  attraverso quasi due secoli, dalle sculture lignee della valle del Reno all’inizio del Trecento fino alla Pietà vaticana di Michelangelo (1497-1499): un’interpretazione del Vesperbild  in grado di segnare in modo determinante le declinazioni future del tema iconografico, a cui i posteri faranno riferimento in modo assoluto, nei caratteri e nelle fattezze.

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Piazza Castello
20121 Milano


Mostre a Milano

in scadenza date_range La Permanente

DART 2121 2ND EDITION.

Fino al 24 maggio 2022

in scadenza date_range La Permanente

Collezioni Private. KEITH HARING.

Fino al 24 maggio 2022

in scadenza date_range La Permanente

ANDREA BONACETO: AB INFINITE 1

Fino al 24 maggio 2022

in scadenza date_range Fondazione ICA Milano

Miriam Cahn.

Fino al 28 maggio 2022

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo