Share
spinner-caricamento

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci verified

Milano, Lombardia, Italia aperto visita il museoarrow_right_alt

conclusa Fragility and Beauty.

A cura di: Viviana Panaccia

La mostra

Dal 16 maggio, tornerà al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia la mostra “Fragility and Beauty” - Taking the pulse of our planet from space”, promossa dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), che proporrà in un nuovo allestimento le più recenti immagini della Terra scattate dai satelliti.
L’esposizione, curata da Viviana Panaccia, vuole creare un collegamento tra ricerca scientifica, tecnologia spaziale e pubblico sul tema dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile, del loro impatto sugli ecosistemi terrestri e le conseguenze sul futuro del pianeta.
La visione sempre più precisa dei satelliti è la protagonista indiscussa della mostra. Attraverso le nuove immagini, il visitatore potrà intraprendere un viaggio che lo porterà a esplorare i luoghi più straordinari e remoti della Terra, e potrà “toccare con mano” gli aspetti più evidenti e meno conosciuti relativi all’ambiente e ai cambiamenti climatici.
I satelliti
, strumenti insostituibili per la diagnosi di tali cambiamenti, ci inviano un grido di allarme sulla fragilità e vulnerabilità del nostro pianeta: frequenti fenomeni climatici sempre più estremi, calotte polari in fase di scioglimento, temperature in aumento e conseguente inaridimento, mancato accesso all’acqua potabile per molte popolazioni. 
Il percorso espositivo parte da un esame della rapida crescita della popolazione mondiale e mostra le regioni e le megalopoli in cui nei prossimi anni sarà più sostenuta. Con l’aiuto di un touch table si potranno vedere in dettaglio gli impatti del sovraffollamento del pianeta sui suoi ecosistemi, sia riguardo lo sfruttamento delle risorse naturali (acqua, foreste, terreni agricoli) che il rilascio di rifiuti ed emissioni di gas serra.
Sarà possibile conoscere lo stato delle calotte polari, i processi di scioglimento dei ghiacci e lo stato degli oceani. Il percorso espositivo si conclude con uno sguardo al contributo che possono fornire i satelliti per il raggiungimento di alcuni dei principali obiettivi di sviluppo sostenibile - SDG (Sustainable Development Goals) fissati dalle Nazioni Unite per il 2030.
L’esposizione si avvale di immagini e installazioni multimediali di grande suggestione e impatto visivo, che intendono sottolineare la necessità di un cambio di rotta dei processi di sviluppo dell’uomo, per una crescita sostenibile che soddisfi i suoi bisogni senza compromettere il futuro delle nuove generazioni. Una video-installazione, ispirata alla serie televisiva “One Strange Rock” e firmata da Darrel Aronofsky per National Geographic, offrirà l’opportunità di riflettere sul futuro del nostro Pianeta.

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Via San Vittore, 21
20123 Milano

Altri contatti

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Mostre a Milano

in scadenza date_range undefined

Feeling Good

Fino al 28 aprile 2024

date_range undefined

DBEW EXHIBITION 2024

Fino al 05 maggio 2024

date_range undefined

Vetro inciso dalla Laguna a Milano

Fino al 12 maggio 2024

date_range undefined

Carlo Valsecchi photographs

Fino al 12 maggio 2024

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo