Share
spinner-caricamento

Museo di Storia Naturale di Genova verified

Genova, Liguria, Italia aperto visita il museoarrow_right_alt

conclusa Mythos

La mostra

Il Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria” ospiterà, dal 21 dicembre 2019 al 30 agosto 2020, per la prima volta in assoluto, la mostra “Mythos”, una straordinaria esposizione di modelli delle creature zoomorfe che maggiormente hanno colpito l’immagi­nario collettivo. 

Sarà presentata in anteprima alla stampa venerdì 20 dicembre 2019 alle ore 11,30, alla presenza di Barbara Grosso, Assessore alle Politiche Culturali, Politiche dell’Istruzione e Politiche per i Giovani del Comune di Genova.

Fin dalle sue origini l’uomo ha dovuto confrontarsi con la natura che lo circondava e con eventi che spesso non comprendeva,  condividendo il suo mondo con altri esseri viventi, gli animali, che erano fonte di cibo e di sopravvivenza ma, spesso, avversari temibili e mortali.

Il mito nasce dal bisogno dell’uomo di conoscere le origini del suo mondo e delle creature che lo popolano, di spiegare la realtà, di svelare i misteri della natura e rendere razionale e comprensibile ciò che spaventa, riservando tuttavia un ruolo di rilievo al soprannaturale, al quale non resta che adeguarsi e sottomettersi.

I miti sono narrazioni, inizialmente orali, tramandate da generazione in generazione, da un gruppo sociale a un altro, sono racconti investiti di sacralità che non prevedono alcuna dimostrazione e si sono perpetuati nella tradizione dei popoli rappresentando una parte fondamentale di ogni cultura e religione.

Nel mito convivono due realtà parallele che si intrecciano senza sosta, dalle quali emergono semplici mortali, divinità ed eroi e, accanto a loro, animali ed esseri fantastici, spesso ibridi fra diverse creature, in alcune culture venerati, in altre temuti perché portatori di morte e distruzione.

Questi esseri, enormi serpenti, cani mostruosi, draghi che sputano fuoco e innumerevoli altri, rappresentano il caos e pertanto devono essere combattuti e sconfitti per ristabilire l’ordine cosmico e l’armonia celeste. Il mito racconta come le forze positive siano riuscite ad annientare le creature delle tenebre ma anche come gli dei, detentori dei vizi e delle virtù degli uomini, abbiano spesso usato il loro enorme potere per punire i mortali, inviando loro mostri orribili o trasformandoli in esseri subalterni, degni di disprezzo e abominio.

Con  l’avvento del Cristianesimo, gli animali sono diventati i compagni dell’uomo, a lui subalterni. In base al principio della dualità fra Bene e Male, Luce e Tenebre, essi sono stati assegnati a una delle due schiere, pur se considerati sempre e comunque esseri voluti da Dio, anche se per motivi incomprensibili all’umanità.

La mostra Mythos si è prefissata l’obiettivo di presentare al vasto pubblico le creature zoomorfe che più hanno colpito nel tempo l’immaginario collettivo. Esseri nei quali, pur con l’aggiunta di una buona dose di fantasia, si possono individuare insospettabili somiglianze o attinenze con animali reali. 

Ed ecco quindi 25 modelli realizzati appositamente per un tuffo nel mito e nella leggenda! Un viaggio in un mondo straordinario popolato di arpie e centauri, draghi e grifoni, vampiri e licantropi, sirene e unicorni … e tante altre creature fantastiche! 

La mostra si sviluppa, con un percorso scenografico, nel salone a piano terra e nelle sale adiacenti; alcuni modelli sono inseriti nei diorami della savana africana e degli ungulati italiani. Ogni creatura è accompagnata da un pannello con didascalia, in italiano e inglese, che racconta la sua storia.

Immagini della mostra

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Brigata Liguria, 9
16121 Genova

Altri contatti


Mostre a Genova

date_range undefined

Rubens a Genova

Fino al 22 gennaio 2023

oggi date_range undefined

PIERGIORGIO COLOMBARA NERORO

Fino al 05 febbraio 2023

date_range undefined
date_range undefined

GENOVA AL TEMPO DI RUBENS

Fino al 12 febbraio 2023

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo