Share
Villa Bernasconi

Villa Bernasconi

Villa Bernasconi è una nuova idea di museo che coinvolge emotivamente il visitatore, trasformandolo in un“ospite” ed eccezionalmente, data l’emergenza sanitaria, in un“ladro di storie”. Il Museo è un luogo culturale accogliente, con un forte richiamo alla prima vocazione e destinazione d’uso della villa, una casa, e anticonvenzionale, che attualizza il rapporto tra passato e presente, trasmettendo messaggi di innovazione e dinamismo.  Con il supporto di soluzioni tecnologiche e di design, infatti, è la villa stessa a raccontarsi e a condurre i visitatori, come degli ospiti, alla scoperta della sua storia e alla conoscenza delle persone che vi hanno vissuto, a partire dal 1906– anno in cui è stata completata la sua costruzione– fino ad oggi. Non un museo nel senso tradizionale del termine, ma un’esperienza fatta di suggestioni e connessioni guidate dalle #vocidivilla: un percorso innovativo ed interattivo tra contenuti multimediali, oggetti e documenti storici in prestito da altre collezioni museali e private. Villa Bernasconi, uno dei rari esempi di architettura liberty sul Lago di Como ed unica villa cernobbiese aperta al pubblico,è stata costruita tra il 1905 e il 1906 su progetto dell’architetto Alfredo Campanini come“casa alla moda” per l’ingegnere Davide Bernasconi che, di origine milanese, fondò le omonime Tessiture Seriche a Cernobbio sul finire del XIX secolo.  E’ un luogo simbolico e molto importante per la storia della città di Cernobbio. Il richiamo all’attività imprenditoriale del proprietario è riscontrabile non solo nelle decorazioni esterne della Villa, che ripropongono il ciclo vitale del baco da seta e i frutti della pianta del gelso, un unicum nel panorama Art Nouveau, ma anche nella posizione stessa dell’edificio. La villa è infatti collocata all’interno della cosiddetta“cittadella della seta” di Cernobbio, fra quelli che furono gli uffici amministrativi delle Tessiture Seriche Bernasconi (attualmente la Biblioteca e la Scuola Media), le case fatte edificare per gli operai, i quadri e i dirigenti, nonché l’asilo (ancora attivo) progettato dallo stesso Davide Bernasconi. Il progetto architettonico di Villa Bernasconi rifugge ogni simmetria e sperimenta forme morbide, libere e dinamiche; l’apparato ornamentale non solo arricchisce la costruzione, ma si integra con essa e ne costituisce la parte viva. La sua progettazione totale e unitaria e il valore artistico dei decori sono caratteri tipici di questo stile, che qui, grazie anche alla presenza del maestro del ferro battuto a livello nazionale, Alessandro Mazzucotelli, toccano uno degli esiti più significativi in Italia. La villa rimase di proprietà degli eredi Bernasconi fino al 1955 quando fu venduta alla C.E.T.– poi Società Autovie Lariane Valle Intelvi (S.A.L.V.I.)– che l’affittò alla Guardia di Finanza fino all’acquisto da parte del Comune di Cernobbio nel 1989.  Ha ospitato temporaneamente gli uffici comunali (fine anni Novanta), ed è stata in seguito sede di mostre temporanee ed eventi culturali. Dopo un lungo ed importante intervento di restauro e ristrutturazione, durato dal 2005 al 2013 e finanziato con fondi pubblici e privati, il 26 novembre 2017 è stata definitivamente riaperta al pubblico grazie al progetto“Liberty Tutti” come Museo. E’ inserita nell’itinerario del Liberty in Lombardia e nell’Art Nouveau European Route.

Gli spazi

Orari e biglietti

Indirizzo

Largo Alfredo Campanini, 2
22012 Cernobbio

Altri contatti


Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento