Share
spinner-caricamento

Palazzo Fava - Palazzo delle Esposizioni verified

Bologna, Emilia-Romagna, Italia aperto visita il museoarrow_right_alt

conclusa Il fregio dei Carracci – Opere a confronto

La mostra

In occasione delle celebrazioni per i 400 anni dalla morte di Ludovico Carracci, Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni di Bologna apre al pubblico le porte del Piano Nobile con i celebri cicli carracceschi di Giasone e Medea - la prima impresa collettiva di Ludovico, Agostino e Annibale – e delle avventure di Enea realizzato da Ludovico e dai loro allievi. 

Per l’occasione il museo mette in dialogo gli affreschi che rivelarono al mondo la rivoluzione dei Carracci con 31 opere tra dipinti, sculture e installazioni del Novecento provenienti dalla collezione di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, molte delle quali mai esposte al pubblico prima: un confronto trasversale tra le epoche e gli stili, alla ricerca di affinità tematiche o formali tra le opere antiche, moderne e contemporanee. 

“Il fregio dei Carracci – Opere a confronto” - aperto al pubblico dal 22 novembre al 16 febbraio 2020 - ha alla base un lavoro di ricerca nei caveaux, condotto da Benedetta Basevi e Mirko Nottoli, storici dell’arte di Genus Bononiae, per individuare opere che presentassero attinenze tematiche. Così Il Dittatore folle di Galileo Chini - esposto per la prima volta - dipinto in occasione delle celebrazioni per l’arrivo di Hitler a Firenze nel 1938, rimanda nella sua feroce mostruosità al minaccioso Polifemo incontrato da Enea e i suoi compagni in Sicilia; mentre i nudi di Nicola Samorì, uno dei più apprezzati artisti contemporanei documentano il ciclico ritorno del classico nella storia dell’arte, analogamente a quanto fecero allo scadere del Cinquecento i tre Carracci. E ancora il tumulto della Battaglia di Giuseppe Maria Crespi, che rimanda a quello dei combattimenti di Giasone, o la Salomé di Mimmo Palladino, eroina tragica al pari della Didone dell’Eneide. Tra le opere esposte anche le Pietre Alpestri di Fortunato Depero e la Scultura Luminosa di Marco Lodola, che nei loro colori accesi e nella gioiosità della composizione richiamano il tema del gioco dei fregi della Sala Cesi, tra gare con l’arco, corse e tornei tratte dal sesto libro dell’Eneide.

Immagini della mostra

Orari e biglietti

Indirizzo

Via Manzoni, 2
40121 Bologna

Altri contatti

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Altro in programma

date_range undefined undefined

Da Felice Giani a Luigi Serra

Fino al 30 giugno 2024


Mostre a Bologna

date_range undefined

ANIMALI FANTASTICI

Fino al 05 maggio 2024

date_range undefined

Squali e Abissi

Fino al 30 giugno 2024

date_range undefined

Mario De Maria, “Marius Pictor”

Fino al 30 giugno 2024

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo