Share

GNU - Galleria Nazionale dell'Umbria verified

Perugia, Umbria, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Antonio Mercurio Amorosi - Ritratto di donna
fullscreen
Cristo crocifisso
fullscreen
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Arcangelo Gabriele (o Angelo Annunciante) Pala di sant’Agostino
fullscreen
Piero della Francesca - Polittico di Sant’Antonio
fullscreen
Tavolette di San Bernardino. Miracolo di San Bernardino
fullscreen
Beato Angelico - Polittico Guidalotti
fullscreen
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Adorazione dei Magi
fullscreen
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Madonna della Confraternita della Consolazione
fullscreen
Albarello
fullscreen
Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio - Pala di santa Maria dei Fossi
fullscreen
Orazio Gentileschi - Santa Cecilia che suona la spinetta
fullscreen
Jean Baptiste Wicar - Ritratto di Carolina Murat
fullscreen
Arnolfo di Cambio - Malato alla fonte
fullscreen
Tessuto Umbro
fullscreen
Giuseppe Rossi - Veduta del Circo della fortezza paolina di Perugia
Antonio Mercurio Amorosi - Ritratto di donna
Cristo crocifisso
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Arcangelo Gabriele (o Angelo Annunciante) Pala di sant’Agostino
Piero della Francesca - Polittico di Sant’Antonio
Tavolette di San Bernardino. Miracolo di San Bernardino
Beato Angelico - Polittico Guidalotti
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Adorazione dei Magi
Pietro di Cristoforo Vannucci, detto Perugino - Madonna della Confraternita della Consolazione
Albarello
Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio - Pala di santa Maria dei Fossi
Orazio Gentileschi - Santa Cecilia che suona la spinetta
Jean Baptiste Wicar - Ritratto di Carolina Murat
Arnolfo di Cambio - Malato alla fonte
Tessuto Umbro
Giuseppe Rossi - Veduta del Circo della fortezza paolina di Perugia

Altre opere esposte

Descrizione

La tavola è ricordata da Vasari come una delle prime opere che Pietro dipinse a Perugia, dove era certamente presente il 21 luglio 1475, quando ricevette 5 fiorini dal Comune per eseguire delle pitture nel Palazzo dei Priori. La testimonianza vasariana insieme al documento di pagamento forniscono un dato utile per la collocazione temporale del dipinto, corroborata dalla relazione con i due Santi affrescati a Deruta dal pittore tra 1475 e 1478, dove il volto di san Rocco è prossimo a quello del re mago Baldassarre della tavola perugina. I Magi, riccamente abbigliati, occupano con il loro seguito la sinistra della composizione; alla destra invece è la capanna con la Sacra Famiglia: la Vergine vestita di rosso e ammantata di blu sorregge Gesù in atto di benedire i Magi, mentre Giuseppe osserva e medita. Un bue e un asino si mostrano placidi dietro uno steccato che chiude la scena in primo piano, oltre il quale si apre un paesaggio fluviale in cui le rocce artificiose sono punteggiate di delicati alberi. L’albero che si staglia in secondo piano è una chiara memoria della pittura di Piero della Francesca ed è inserita in un paesaggio che accoglie le influenze leonardesche. Il linguaggio usato dal pittore nel quadro, destinato alla chiesa perugina di S. Maria dei Servi, risente ancora dell’impostazione tardogotica, già evidente nell’Adorazione dei Magi di Benedetto Bonfigli, dove i re che recano doni al Bambino Gesù sono accompagnati da un corteo che termina il suo viaggio di fronte alla capanna, una struttura muraria coperta da un tetto a capriate. Ma al contempo Perugino porta nella sua città d’adozione i modi appresi a Firenze nella bottega del Verrocchio, per cui è utile un confronto con il medesimo soggetto dipinto da Botticelli intorno al 1475 e conservato agli Uffizi. Così come Sandro vi si autoritrae, altrettanto fa Pietro nella tavola perugina: è identificabile nell’uomo a sinistra con copricapo rosso e abito nero che volge lo sguardo verso l’osservatore. E anche Vannucci sceglie di rappresentare nei Magi le tre età dell’uomo. Inoltre, così come nella tavola di Botticelli si riconoscono nei re tre esponenti della famiglia de’ Medici, rispettivamente Cosimo, Piero il Gottoso e Giovanni, così nell’olio peruginesco i Magi hanno l’uno le sembianze del committente Braccio Baglioni, in piedi mentre rivolge lo sguardo severo verso il secondo Mago, il figlio Grifone posto più a sinistra, in basso; il terzo re, inginocchiato, è Malatesta di Pandolfo. Il verde e il rosso, che tingono le vesti dei tre personaggio, sono i colori della casata Baglioni.

Altre opere a Perugia

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento