spinner-caricamento
Share
fullscreen
Giovanni Lanfranco - Sant’Agata visitata in carcere da san Pietro e l’angelo
fullscreen
Leonardo da Vinci - Testa di fanciulla, detta
fullscreen
Girolamo Francesco Maria Mazzola, detto Parmigianino - Ritratto di gentildonna detto “La Schiava turca”
fullscreen
Domínikos Theotokópoulos, detto El Greco - Guarigione del cieco
fullscreen
Antonio Canova - Maria Luigia d’Asburgo in veste di Concordia
fullscreen
Antonio Allegri, detto il Correggio - Compianto su Cristo morto
fullscreen
Giovanni Battista, detto Cima da Conegliano - Madonna col Bambino in trono e i santi Giovanni Battista, Cosma, Damiano, Apollonia, Caterina e Giovanni Evangelista
fullscreen
Hans Holbein il Giovane - Erasmo da Rotterdam
fullscreen
Benedetto Antelami - Capitello
fullscreen
Beato Angelico - Madonna dell’umiltà, i santi Giovanni Battista e Paolo e l’incontro dei santi Domenico e Francesco; nella cornice, Quattordici serafini
fullscreen
Antoon van Dyck - Madonna col bambino
fullscreen
Giambattista Tiepolo - I santi Giuseppe da Leonessa e Fedele da Sigmaringen che calpesta l’eresia
fullscreen
Antonio Allegri, detto il Correggio - Incoronazione della Vergine (frammento del catino absidale della chiesa di San Giovanni Evangelista di Parma)
fullscreen
Giorgio Scherer - Interno di uno studio di pittore
fullscreen
Alberto Pasini - Una carovana che pernottò in un’oasi e preparasi alla partenza
fullscreen
Antonio Allegri, detto il Correggio - Riposo durante il ritorno dalla fuga in Egitto detta “Madonna della scodella”
fullscreen
Antonio Allegri, detto il Correggio - Madonna col Bambino e i santi Gerolamo e Maddalena detta “Madonna di san Gerolamo” o “Il giorno”
fullscreen
Gabriel François Doyen - Morte di Virginia
fullscreen
Damià Campeny - Trionfo da tavola
fullscreen
Giuseppe Baldrighi - Famiglia di Don Filippo di Borbone
fullscreen
Giovanni Francesco di Niccolò Luteri, detto Dosso Dossi - San Michele arcangelo combatte il demonio e la Vergine Assunta tra angeli
fullscreen
Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto - Capriccio con edifici palladiani
fullscreen
Annibale Carracci - Compianto sul Cristo morto coi santi Chiara e Francesco d'Assisi
Giovanni Lanfranco - Sant’Agata visitata in carcere da san Pietro e l’angelo
Leonardo da Vinci - Testa di fanciulla, detta
Girolamo Francesco Maria Mazzola, detto Parmigianino - Ritratto di gentildonna detto “La Schiava turca”
Domínikos Theotokópoulos, detto El Greco - Guarigione del cieco
Antonio Canova - Maria Luigia d’Asburgo in veste di Concordia
Antonio Allegri, detto il Correggio - Compianto su Cristo morto
Giovanni Battista, detto Cima da Conegliano - Madonna col Bambino in trono e i santi Giovanni Battista, Cosma, Damiano, Apollonia, Caterina e Giovanni Evangelista
Hans Holbein il Giovane - Erasmo da Rotterdam
Benedetto Antelami - Capitello
Beato Angelico - Madonna dell’umiltà, i santi Giovanni Battista e Paolo e l’incontro dei santi Domenico e Francesco; nella cornice, Quattordici serafini
Antoon van Dyck - Madonna col bambino
Giambattista Tiepolo - I santi Giuseppe da Leonessa e Fedele da Sigmaringen che calpesta l’eresia
Antonio Allegri, detto il Correggio - Incoronazione della Vergine (frammento del catino absidale della chiesa di San Giovanni Evangelista di Parma)
Giorgio Scherer - Interno di uno studio di pittore
Alberto Pasini - Una carovana che pernottò in un’oasi e preparasi alla partenza
Antonio Allegri, detto il Correggio - Riposo durante il ritorno dalla fuga in Egitto detta “Madonna della scodella”
Antonio Allegri, detto il Correggio - Madonna col Bambino e i santi Gerolamo e Maddalena detta “Madonna di san Gerolamo” o “Il giorno”
Gabriel François Doyen - Morte di Virginia
Damià Campeny - Trionfo da tavola
Giuseppe Baldrighi - Famiglia di Don Filippo di Borbone
Giovanni Francesco di Niccolò Luteri, detto Dosso Dossi - San Michele arcangelo combatte il demonio e la Vergine Assunta tra angeli
Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto - Capriccio con edifici palladiani
Annibale Carracci - Compianto sul Cristo morto coi santi Chiara e Francesco d'Assisi

Altre opere esposte

Descrizione

Il dipinto di Parmigianino ritrae una giovane dama in abiti cinquecenteschi di cui non si conosce l’identità e che per i riferimenti esotici dell’abbigliamento ricevette nel ‘700 l’appellativo di Schiava. La fanciulla dai capelli bruni e dai grandi occhi verdi è ritratta a mezza figura con indosso una veste di seta blu con maniche a sbuffo e sulle spalle porta un velo rigato in oro e arancio. In grembo ha lo zinale, un grembiule leggerissimo e ricamato. In testa ha un'acconciatura a forma di ciambella, la "capigliara" o balzo, costituita da una rete di fili d'oro, decorata, al centro, da un medaglione con un Pegaso alato, metafora d'iniziazione amorosa e poetica, o forse riferimento araldico alla famiglia di appartenenza. Si tratta di un copricapo di moda in area lombarda e padana nel Cinquecento, indossato anche da Isabella d'Este, signora di Mantova. Nell’anulare della mano sinistra indossa un anellino dorato, forse perché era una giovane sposa, mentre tiene un ventaglio di piume di struzzo legato con una catenella alla manica dell’abito. Il ritratto è tra i più affascinanti ed espressivi, oltre che dei più noti, dell'artista: la maliziosa sensualità del soggetto è esaltata dallo sguardo fisso verso l'osservatore, dal sorriso ambiguo e dalla sapienza compositiva dei ritmi curvilinei che ne incorniciano la figura. La posizione leggermente di sbieco dà un senso di tridimensionalità. Il quadro va collocato verso il 1532, negli stessi anni in cui Parmigianino era a Parma e studiava la decorazione per la Steccata, esempio ultimo delle sue ricerche tecniche. Per l’identificazione, ancora incerta, sono stati proposti i nomi di Giulia Gonzaga sposa di Vespasiano Colonna, o quella della poetessa di Parma Veronica Gambara, che il Parmigianino conobbe personalmente. Il dipinto che si trovava nella collezione del cardinale Leopoldo de' Medici, passò nel 1675 agli Uffizi, lasciata in eredità alla Guardaroba medicea. Nel 1928 fu data alla Galleria di Parma in cambio di due tavole duecentesche della collezione Tacoli Canacci.


Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Altre opere a Parma

Ricerche correlate

photo undefined

Ritratto di giovane donna detta Antea

Girolamo Francesco Maria Mazzola, detto Parmigianino

placeNapoli, Campania, Italia

photo undefined

Santa Caterina

Girolamo Sellari, detto Girolamo da Carpi

placeFerrara, Emilia-Romagna, Italia

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo