spinner-caricamento
Share

Cassa di Risparmio di Jesi Foundation verified

Jesi, Marche, Italia chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Tobiolo e l'Angelo
fullscreen
Giovanni Francesco Barbieri, detto Guercino - Salvator Mundi
fullscreen
Antonio Mercurio Amorosi - Concertino di villani
fullscreen
Antonio Mercurio Amorosi - La partita a carte
fullscreen
Carlo Cignani - I cinque sensi
fullscreen
Raffaellino del Colle - Madonna di Loreto con i SS. Filippo e Giacomo
fullscreen
Testa di Vecchio
fullscreen
Giorgio Vasari - Cristo Portacroce
fullscreen
Nino Caffè - Donna con ventaglio
fullscreen
Annunciazione
fullscreen
Francesco Bassano - Scena di genere con lavori femminili
fullscreen
Giovanni Fazi - Ritratto di giovane contadina
Tobiolo e l'Angelo
Giovanni Francesco Barbieri, detto Guercino - Salvator Mundi
Antonio Mercurio Amorosi - Concertino di villani
Antonio Mercurio Amorosi - La partita a carte
Carlo Cignani - I cinque sensi
Raffaellino del Colle - Madonna di Loreto con i SS. Filippo e Giacomo
Testa di Vecchio
Giorgio Vasari - Cristo Portacroce
Nino Caffè - Donna con ventaglio
Annunciazione
Francesco Bassano - Scena di genere con lavori femminili
Giovanni Fazi - Ritratto di giovane contadina

Altre opere esposte

Descrizione

Nonostante la nascita abruzzese, Nino Caffé è a tutti gli effetti un pittore marchigiano, formatosi prima ad Ancona e dal 1930 a Pesaro.  Studente a Urbino, dove si diploma nel 1935 e dove poi sarà insegnante nella locale Accademia.

Nel quadro jesino si colgono echi della scuola francese fin de siecle e delle morbidezze di Boldini, maestro indiscusso del genere del ritratto che tocca vertici di assoluto virtuosismo nella rappresentazione di figure femminili.

Su questa linea, Nino Caffè contrappone la gestualità pudica della donna alla sensualità delle bianche spalle scoperte che di fatto diventano il centro significativo della composizione. La giovane donna seduta è ritratta in abito da sera, con un fiore tra capelli raccolti in un morbido chignon. Una pittura veloce, a pennellate larghe, definisce l'abito, mentre nell'incarnato e nell'acconciatura il segno si fa più minuzioso e dettagliato. Nella mano destra, appoggiata in grembo, la donna espone un ventaglio chiuso e di colore rosso di facile interpretazione allusiva ad una femminilità non ancora del tutto espressa, ma in procinto di dischiudersi. D'altra parte la cifra erotica sembra essere quella più adatta ad offrire chiavi interpretative al dipinto.  


Altre opere a Jesi

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo