spinner-caricamento
Share
fullscreen
Federico Barocci - Ritratto di Maddalena Osuna Giron
fullscreen
Alessandro Algardi - Attila
fullscreen
Alvise Vivarini - Crocifisso con angeli che raccolgono il sangue di Cristo
fullscreen
Franz Werner Von Tamm, detto Monsó Daprait - Vaso di fiori, anguria e moretto con un vassoio di frutta
fullscreen
Christian Berentz - Fiori, frutta e un vassoio con calici di vetro
fullscreen
Elisabetta Sirani - Madonna con Bambino e San Giovannino
fullscreen
Caccia al cinghiale Calidonio
fullscreen
Giovanni Bellini - Incoronazione della Vergine
fullscreen
Guido Reni - Caduta dei giganti
fullscreen
Putto Alato
fullscreen
Giannandrea Lazzarini - Trinità con la Madonna
fullscreen
Mariotto di Nardo - Madonna con Bambino e i santi Michele e Francesco
fullscreen
Speranza bella - Piatto da pompa
fullscreen
Stemma famiglia Veterani di Urbino
fullscreen
Ferruccio Mengaroni - Medusa
Federico Barocci - Ritratto di Maddalena Osuna Giron
Alessandro Algardi - Attila
Alvise Vivarini - Crocifisso con angeli che raccolgono il sangue di Cristo
Franz Werner Von Tamm, detto Monsó Daprait - Vaso di fiori, anguria e moretto con un vassoio di frutta
Christian Berentz - Fiori, frutta e un vassoio con calici di vetro
Elisabetta Sirani - Madonna con Bambino e San Giovannino
Caccia al cinghiale Calidonio
Giovanni Bellini - Incoronazione della Vergine
Guido Reni - Caduta dei giganti
Putto Alato
Giannandrea Lazzarini - Trinità con la Madonna
Mariotto di Nardo - Madonna con Bambino e i santi Michele e Francesco
Speranza bella - Piatto da pompa
Stemma famiglia Veterani di Urbino
Ferruccio Mengaroni - Medusa

Altre opere esposte

Descrizione

Il trittico raffigura la Madonna con il Bambino in trono tra due angeli e il Redentore benedicente, tra i Santi Michele Arcangelo e Francesco e nella predella, San Girolamo, Sant´Antonio da Padova, San Giovanni Battista, la Flagellazione di Cristo, San Giovanni Evangelista, San Ludovico da Tolosa e Santa Chiara. Si è tentato di identificare il santo francescano della predella con il Beato Sante da Mombaroccio, sembra però preferibile la tradizionale identificazione con Sant´Antonio da Padova, come indicano la fiamma ardente e l´iscrizione riportata sul libro aperto. Il dipinto era conservato ab antiquo in San Giovanni Battista degli Zoccolanti a Pesaro. La presenza di San Francesco e di tre santi francescani nella predella indica però che la sua originaria collocazione doveva essere una chiesa dei frati minori. L´opera è un manifesto della situazione artistica fiorentina contemporanea e la tendenza neogiottesca traspare nel rigore arcaizzante. D´altra parte numerosi elementi mostrano che Mariotto non ha dimenticato lo sperimentalismo tardogotico e nelle figure monumentali, avvolte in ampi panneggi, la linea di contorno si arrovella in serpentine sempre più involute, come nel manto della Madonna o in quello di San Michele.

Altre opere a Pesaro

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo