spinner-caricamento
Share

Museo del Territorio Biellese verified

Biella, Piemonte, IT in chiusura visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
fullscreen
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
fullscreen
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
fullscreen
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
fullscreen
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
fullscreen
Carlo Carrà - Marina
fullscreen
Marc Chagall - Il tamburino
fullscreen
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
fullscreen
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
fullscreen
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
fullscreen
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
fullscreen
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
Carlo Carrà - Marina
Marc Chagall - Il tamburino
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani

Altre opere esposte

Descrizione

Lo spazio nel quale è collocata la grande figura del tamburino ha abbandonato qualsiasi logica di strutturazione e proporzionalità. I rapporti dimensionali di personaggi, animali e architetture così come le stesure cromatiche dagli intensi toni prevalentemente blu rosso e giallo concorrono alla creazione di una rappresentazione vivace e visionaria nella quale ancora una volta la figura di un musicista, posizionato tra cielo e terra, trionfa su tutto. Le iconografie delle contadine, delle case da tetti di legno, degli asini e delle mucche , allusive alla vita nella cittadina nativa dell’artista, abitano una caleidoscopica visione impregnata dai ricordi oramai remoti dell’infanzia , ma sempre e comunque ben vivi nel cuore e negli occhi dell’artista e che anzi, nella lontananza dalla sua patria si richiamano ed esaltano l’un l’altro. L’opera è stata datata agli anni successivi il 1948 quando Chagall ritorna in Francia dagli Stati Uniti, dove era stato costretto ad emigrare , e proprio a questi anni risalgono numerose opere a guaches caratterizzate da una materia cromatica densa e compatta. Negli anni Quaranta durante la sua permanenza in America, il pittore matura un utilizzo del colore forte e impulsivo insieme con una rielaborazione in chiave metaforica e mitizzante di alcuni personali temi iconografici, tutti elementi presenti nel dipinto della collezione Lucci. Una produzione i cui esiti sono in piena contraddizione con il lirismo dolce e pastorale del periodo precedente.

Altre opere a Biella

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo