spinner-caricamento
Share

MACI - Museo Arte Contemporanea di Imperia verified

Imperia, Liguria, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Josef Albers - Gentle venture
fullscreen
Alberto Biasi - Politipo 72
fullscreen
Max Bill - Quarto Nero
fullscreen
Enrico Castellani - Superficie grigia
fullscreen
Piero Dorazio - Blue call
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
fullscreen
Enzo Mari - Struttura n. 731
fullscreen
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
fullscreen
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
fullscreen
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
fullscreen
Robert Delaunay - Paesaggio
fullscreen
Mauro Reggiani - Composizione
fullscreen
Gerhard Richter - Grey
fullscreen
Victor Vasarely - G.D.4
Josef Albers - Gentle venture
Alberto Biasi - Politipo 72
Max Bill - Quarto Nero
Enrico Castellani - Superficie grigia
Piero Dorazio - Blue call
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
Enzo Mari - Struttura n. 731
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
Robert Delaunay - Paesaggio
Mauro Reggiani - Composizione
Gerhard Richter - Grey
Victor Vasarely - G.D.4

Altre opere esposte

Descrizione

Concetto spaziale, Attese, 7 tagli è tra le opere di Lucio Fontana qui esposte appartenente alla celebre serie dei Tagli iniziata nel 1958. Accanto alla dicitura consueta di “Concetti Spaziali” che Fontana attribuisce a queste opere, aggiunge “Attesa” o “Attese”, in base al numero dei tagli presenti sulla tela. Come spiegare questi riferimenti? La dimensione che Lucio Fontana esplora è contemporaneamente spaziale e concettuale. La prima viene indagata attraverso il gesto, che fende la tela ristabilendo la continuità tra lo spazio al di là e quello al di qua del piano dell’opera. La seconda, attraverso uno stato contemplativo, di concentrazione, di attesa appunto, che precede quello gestuale. Il senso dell’attesa è spiegato dallo stesso Fontana in una lettera all’amico Bardini del 1959: «o sono un “santo” o sono un “pazzo”!!! /Ma forse sono un santo, ho sopportato troppe angherie che a quest’ora dovrei essere in manicomio, invece queste “attese” mi danno pace!!! in tanti anni di lavoro questo è il momento più felice per me!». L’attesa quindi per Fontana è una pausa, uno spazio atemporale necessario alla preparazione del gesto. Concetto Spaziale, Attese, 7 tagli del 1963 si distingue per la sua purezza: la tela – dipinto ad olio monocromatico - è attraversata da 7 tagli netti, realizzati con un gesto conciso e pulito, tipico della gestualità di Fontana, documentata anche dalle celebri fotografie di Ugo Mulas. Al di là della tela possiamo vedere la garza nera che l’artista ha apposto sul retro per schermare la luce, per accentuare i tagli e le ombreggiature create dalla luce stessa, ma anche per fornire al visitatore la chiave di accesso all’infinito, all’indeterminato e al vuoto.


Ricerche correlate

photo GAM - Galleria d'Arte Moderna di Torino
photo Museo del tessuto

Pagina di libro campionario

Raoul Dufy; Lione; Bianchini; Férier

placePrato, Toscana, IT

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo