Share
fullscreen
Evgeny Antufiev - Untitled
fullscreen
Evgeny Antufiev - Untitled
fullscreen
Jules de Balincourt - Psychedelic Soldier
fullscreen
Jules de Balincourt - Waiting Tree
fullscreen
Chantal Joffe - Bumptious Mansions
fullscreen
Chantal Joffe - Moll with the Cat
fullscreen
Alessandra Ariatti - Vilma e Gianfranca. “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Vangelo di Matteo 10,8)
fullscreen
Alessandra Ariatti - Rosanna e Vanna. Le risorse del tempo
fullscreen
Jacob Kassay - Untitled
fullscreen
Jacob Kassay - Untitled
fullscreen
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis (dettaglio)
fullscreen
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis
fullscreen
Alessandro Pessoli - Fiamma pilota
fullscreen
Enoc Perez - Casa Malaparte (Day)
fullscreen
Enoc Perez - Casa Malaparte (Night)
fullscreen
Alessandro Pessoli - Testa farfalla su matrice locomotiva
fullscreen
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
fullscreen
Thomas Scheibitz - ECLECTICA
fullscreen
Thomas Scheibitz - VT Bühne
fullscreen
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
fullscreen
Claudio Parmiggiani - Caspar David Friedrich
fullscreen
Mimmo Paladino - Cimento
fullscreen
Jannis Kounellis - Senza Titolo
Evgeny Antufiev - Untitled
Evgeny Antufiev - Untitled
Jules de Balincourt - Psychedelic Soldier
Jules de Balincourt - Waiting Tree
Chantal Joffe - Bumptious Mansions
Chantal Joffe - Moll with the Cat
Alessandra Ariatti - Vilma e Gianfranca. “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Vangelo di Matteo 10,8)
Alessandra Ariatti - Rosanna e Vanna. Le risorse del tempo
Jacob Kassay - Untitled
Jacob Kassay - Untitled
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis (dettaglio)
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis
Alessandro Pessoli - Fiamma pilota
Enoc Perez - Casa Malaparte (Day)
Enoc Perez - Casa Malaparte (Night)
Alessandro Pessoli - Testa farfalla su matrice locomotiva
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
Thomas Scheibitz - ECLECTICA
Thomas Scheibitz - VT Bühne
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
Claudio Parmiggiani - Caspar David Friedrich
Mimmo Paladino - Cimento
Jannis Kounellis - Senza Titolo

Altre opere esposte

Descrizione

L'opera fa parte di una complessa installazione scultorea realizzata da Krištof Kintera, con la collaborazione di Richard Wiesner e Rastislav Juhás, per Collezione Maramotti, dal titolo "Postnaturalia". Il titolo appare ampiamente esplicativo: lo scenario in cui si inscrive la nostra esperienza quotidiana come singoli e come collettività non è più quello del mondo naturale. Nella cosiddetta “età del rame”, basata sulla trasmissione di energia e informazioni, la natura è paragonata da Kintera a un enorme sistema nervoso; anche per questa ragione il suo progetto si innesta in diversi spazi della Collezione come in un organismo vivente. Immagini, fotografie, appunti e disegni alle pareti, materiali di scarto, elettrici ed elettronici, alambicchi, lampade, sostanze chimiche sono tutti strumenti e oggetti del mestiere che divengono per l’artista elementi generativi di una nuova bellezza naturale. Prendendo a modello l’attitudine antica dello scienziato e i suoi prototipi (modellini ed erbari conservati in teche nel laboratorio) nuovi tipi di piante vengono coltivate, classificate e seminate in un ampio sistema nervoso para-vegetale che trova spazio in una seconda sala della Collezione. Il "Systemus Postnaturalis" presenta un tappeto sintetico di piante che cresce tra un'intricata rete radicolare di rame: tre isole che sono raccordate tra loro da percorsi esperibili dal visitatore. Anche la luce, che ne favorisce la crescita, viene pilotata artificialmente nello spazio. Kintera si insinua nel tema del “post-naturale” con vivide suggestioni visive che conduce con spirito ironico, giocoso ma anche amaro, nel quadro di una complessa interrogazione sociale e politica sul nostro tempo, mosso dalla speranza di sollecitare consapevolezza su una questione di grande attualità. Il rapporto con la “Natura naturale”, il tentativo di conoscere, anche immaginando, e di dare un ordine alle diverse forme di vita biologica – ancoraggio alla nostra tradizione culturale – sono per Kintera un punto di partenza che viene provocatoriamente sovvertito costruendo scenari totalmente artificiali, lavorando e generando nuovi materiali sintetici e prodotti di scarto che costituiscono il nostro habitat quotidiano para-naturale. Una provocazione malinconica che induce il desiderio di creare scenari alternativi in cui scienza e tecnologia – protagoniste nella costruzione del nostro paesaggio fisico e del nostro sistema di relazioni – possano procedere alla costante ricerca di un “nuovo umanesimo” in cui l’uomo – e non la sommatoria delle sue funzioni – rimanga solidamente al centro e avanzi senza dimenticare la sua identità, la memoria culturale collettiva in cui si inscrive la sua esistenza e la permanenza di relazioni reali. L’artista allora può forse suggerire una nuova tessitura poetica alla tecnologia in cui non “smemoriamo” chi siamo?

Altre opere a Reggio Emilia

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento