Share
fullscreen
Luca Cambiaso - Autoritratto del pittore in atto di dipingere il ritratto del padre
fullscreen
Alessandro Magnasco, detto Lissandrino - Trattenimento in un giardino di Albaro
fullscreen
Antonio Canova - Maddalena penitente
fullscreen
Domenico Piola - Caino e Abele
fullscreen
Luca Cambiaso - Madonna della candela
fullscreen
Michelangelo Merisi, detto Caravaggio - Ecce Homo
fullscreen
Valerio Castello - Madonna del velo
fullscreen
Jan Wildens - Paesaggio con viale alberato
fullscreen
Peter Paul Rubens - Venere e Marte
fullscreen
Hans Memling - Cristo dolente in atto di benedire
fullscreen
Jan Roos - Natura morta di frutta, ortaggi e fiori
fullscreen
Francesco de Zurbaran - Sant’Orsola
fullscreen
Orazio De Ferrari - Cristo e l’adultera
fullscreen
Antonio Travi, detto il Sestri - Adorazione dei pastori
fullscreen
Filippo Lippi - I santi Sebastiano, Giovanni Battista e Francesco
fullscreen
Paolo Caliari, detto il Veronese - Susanna e i vecchioni
Luca Cambiaso - Autoritratto del pittore in atto di dipingere il ritratto del padre
Alessandro Magnasco, detto Lissandrino - Trattenimento in un giardino di Albaro
Antonio Canova - Maddalena penitente
Domenico Piola - Caino e Abele
Luca Cambiaso - Madonna della candela
Michelangelo Merisi, detto Caravaggio - Ecce Homo
Valerio Castello - Madonna del velo
Jan Wildens - Paesaggio con viale alberato
Peter Paul Rubens - Venere e Marte
Hans Memling - Cristo dolente in atto di benedire
Jan Roos - Natura morta di frutta, ortaggi e fiori
Francesco de Zurbaran - Sant’Orsola
Orazio De Ferrari - Cristo e l’adultera
Antonio Travi, detto il Sestri - Adorazione dei pastori
Filippo Lippi - I santi Sebastiano, Giovanni Battista e Francesco
Paolo Caliari, detto il Veronese - Susanna e i vecchioni

Altre opere esposte

Descrizione

Il Cristo dolente, acquistato dal Comune di Genova nel 1953, proviene dalla collezione fiorentina dei marchesi Tempi ed è unanimemente riconosciuto come il prototipo autografo di una serie di immagini analoghe di cui esistono oltre una dozzina di versioni, quasi tutte di mano italiana. Alcune di queste furono eseguite a Firenze nel XVI secolo, fatto che sembra rafforzare l’ipotesi di una presenza dell’opera in questa città ab antiquo. Due di queste copie, rispettivamente conservate al Musée dex Beaux-Arts di Digione e di Strasburgo, sono pervenute come pannelli di un dittico accoppiate a una Mater Dolorosa, la Vergine a mezza figura in preghiera con il volto inondato di lacrime, secondo un’iconografia devozionale affermata nei Paesi Bassi già a metà del XV secolo. La versione autografa della Madonna, probabile pendant della tavola genovese, è stata recentemente individuata in una collezione privata. L’opera originaria era quindi costituita da due pannelli di cui la tavola genovese con il Cristo dolente a mezzo busto costituiva lo scomparto sinistro e la Vergine quello destro. La stretta relazione fra le due figure è evidenziata dalla posizione del Cristo, girato verso la Vergine, con il braccio destro in posizione benedicente, a suggerire un effetto di tridimensionalità, accentuato inoltre dalla posizione della sua mano sinistra che, emergendo in scorcio, sembra quasi misurare lo spazio fra lo spettatore e l’immagine raffigurata. Nella composizione, costruita con un impianto essenziale di grande impatto emotivo, la minuziosa descrizione di alcuni particolari come la corona di spine con il sangue che scende lungo il volto, le lacrime e le stigmate, rivela la straordinaria e raffinata tecnica pittorica di Memling.

Altre opere a Genova

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento