Share

Fondazione Franco Albini verified

Milano, Lombardia, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Franco Albini - Tavolino Cicognino TN6
fullscreen
Franco Albini - Tavolo Cavalletto TL2
fullscreen
Franco Albini - Dondolo in legno PS16
fullscreen
Franco Albini - Lampada da terra Mitragliera
fullscreen
Franco Albini - Mobile radio in cristallo securit
fullscreen
Franco Albini - Tavolo TL3
fullscreen
Franco Albini - Libreria LB10
fullscreen
Franco Albini - Libreria Veliero
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Tre Pezzi
fullscreen
Franco Albini - Poltroncina Luisa
fullscreen
Franco Albini - Poltroncina Luisa
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Gala
fullscreen
Franco Albini - Poltrona Margherita
fullscreen
Franco Albini - Schizzo poltrona Margherita
fullscreen
Franco Albini - Corrimano Metropolitana Milanese
Franco Albini - Tavolino Cicognino TN6
Franco Albini - Tavolo Cavalletto TL2
Franco Albini - Dondolo in legno PS16
Franco Albini - Lampada da terra Mitragliera
Franco Albini - Mobile radio in cristallo securit
Franco Albini - Tavolo TL3
Franco Albini - Libreria LB10
Franco Albini - Libreria Veliero
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
Franco Albini - Poltrona Fiorenza
Franco Albini - Poltrona Tre Pezzi
Franco Albini - Poltroncina Luisa
Franco Albini - Poltroncina Luisa
Franco Albini - Poltrona Gala
Franco Albini - Poltrona Margherita
Franco Albini - Schizzo poltrona Margherita
Franco Albini - Corrimano Metropolitana Milanese

Altre opere esposte

Descrizione

1951 (prima versione presentata nella sezione “Arredi mobili” per E.N.A.P.I. alla IX Triennale) 1951-52 (seconda versione con la modifica del cavalletto che permette lo scivolamento della seduta che consente due inclinazioni). Alla IX Triennale di Milano Franco Albini presenta una serie di elementi d’arredo commissionati da La Rinascente, tra i quali due poltrone in malacca e canna d’India, che diventeranno rispettivamente Gala e Margherita nella produzione di Vittorio Bonacina. La loro struttura leggera autoportante è un esemplare omaggio alla tradizione dell’artigianato popolare, quella dei cestai. Albini ricorre a un raffinato dispositivo ingegneristico di tensostruttura per ridare vita al principio originario, potendo così realizzare una forma aerea di seduta che non si basa sul concetto di una struttura da rivestire, ma bensì fa diventare lo stesso rivestimento sistema strutturale.

Altre opere a Milano

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento