spinner-caricamento
Share
fullscreen
Evgeny Antufiev - Untitled
fullscreen
Jules de Balincourt - Psychedelic Soldier
fullscreen
Chantal Joffe - Bumptious Mansions
fullscreen
Alessandra Ariatti - Rosanna e Vanna. Le risorse del tempo
fullscreen
Jacob Kassay - Untitled
fullscreen
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis (dettaglio)
fullscreen
Alessandro Pessoli - Fiamma pilota
fullscreen
Enoc Perez - Casa Malaparte (Day)
fullscreen
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
fullscreen
Thomas Scheibitz - ECLECTICA
fullscreen
Claudio Parmiggiani - Caspar David Friedrich
fullscreen
Mimmo Paladino - Cimento
fullscreen
Jannis Kounellis - Senza Titolo
Evgeny Antufiev - Untitled
Jules de Balincourt - Psychedelic Soldier
Chantal Joffe - Bumptious Mansions
Alessandra Ariatti - Rosanna e Vanna. Le risorse del tempo
Jacob Kassay - Untitled
Krištof Kintera - Systemus Postnaturalis (dettaglio)
Alessandro Pessoli - Fiamma pilota
Enoc Perez - Casa Malaparte (Day)
Gert Tobias; Uwe Tobias - Ohne Titel
Thomas Scheibitz - ECLECTICA
Claudio Parmiggiani - Caspar David Friedrich
Mimmo Paladino - Cimento
Jannis Kounellis - Senza Titolo

Altre opere esposte

Descrizione

“In the wake of the general collapse of the space of myth, the knowledge of myth becomes the basis for creativity and the perception of reality.” (E. A.) Con il progetto "Twelve, wood, dolphin, knife, bowl, mask, crystal, bones and marble – fusion. Exploring materials" inaugurato alla Collezione Maramotti nel 2013 di cui fa parte quest'opera, Evgeny Antufiev vuole condurre lo spettatore in un'esperienza percettiva di trasformazione in cui materiali, oggetti, forme – che solitamente associamo a funzioni fisiche – abbandonano la loro identità quotidiana per ri-entrare in una dimensione archetipica. L’antica, misterica sacralità dell’immagine ha perso, secondo l'artista, la sua aura; l'immagine non è più in grado di connetterci a una dimensione 'altra', in cui si possa proseguire nel cammino di costruzione della nostra identità, della nostra relazione con il mondo. La "messa in mostra" del mondo di Antufiev ci parla della nostalgia di una tensione escatologica in cui tutto poteva riconnettersi tra il piano umano e quello divino e in cui il gesto creativo dell’uomo poteva catalizzare un’energia in continua mutazione, capace di evocare un’immortalità, intesa non come sopravvivenza, ma come “persistenza di senso”.

Altre opere a Reggio Emilia

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo