Share

Pinacoteca del Castello Sforzesco verified

Milano, Lombardia, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Filippo Lippi - Madonna dell'Umiltà
fullscreen
Alessandro Magnasco, detto Lissandrino - Il mercato del Verziere
fullscreen
Bernardo Bellotto - Il Palazzo dei Giuristi e la Corte di Giustizia di Milano
fullscreen
Antonio Allegri, detto il Correggio - Madonna Bolognini
fullscreen
Lorenzo Lotto - Ritratto di giovane con petrarchino
fullscreen
Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto - Il Molo verso la riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco
fullscreen
Andrea Mantegna - La Madonna in gloria e santi Giovanni Battista, Gregorio Magno, Benedetto e Gerolamo
fullscreen
Francesco Galli - Madonna Lia
fullscreen
Pier Francesco Mazzucchelli, detto il Morazzone - Pentecoste
fullscreen
Vincenzo Foppa - Madonna del libro
Filippo Lippi - Madonna dell'Umiltà
Alessandro Magnasco, detto Lissandrino - Il mercato del Verziere
Bernardo Bellotto - Il Palazzo dei Giuristi e la Corte di Giustizia di Milano
Antonio Allegri, detto il Correggio - Madonna Bolognini
Lorenzo Lotto - Ritratto di giovane con petrarchino
Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto - Il Molo verso la riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco
Andrea Mantegna - La Madonna in gloria e santi Giovanni Battista, Gregorio Magno, Benedetto e Gerolamo
Francesco Galli - Madonna Lia
Pier Francesco Mazzucchelli, detto il Morazzone - Pentecoste
Vincenzo Foppa - Madonna del libro

Altre opere esposte

Descrizione

L’acquisto del grande telero e del pendant Il Molo verso la Zecca con la colonna di San Teodoro nel 1995 ha impresso un salto di qualità alle testimonianze di scuola veneta conservate dalla Pinacoteca. Le due vedute offrono un’insuperata sintesi narrativa, e fissano in armonico equilibrio la virtuosistica riproduzione dei celeberrimi monumenti della città lagunare e l’affabile rappresentazione di un’umanità affaccendata nella vita di ogni giorno. Per giungere a tale veridicità, l’artista usava solo in parte lo strumento meccanico della camera ottica, riuscendo a costruire mentalmente le vedute. Le eleganti cornici in legno intagliate e dorate accompagnano le tele dall’epoca della commissione, promossa entro il 1742. Il perfetto stato di conservazione e l’assoluta autografia inquadrano le due vedute tra i capolavori conservati nel Castello Sforzesco.

Altre opere a Milano

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento