spinner-caricamento
Share
fullscreen
Francesco Hayez - Ritratto di giovane donna
fullscreen
Natura morta con cacciagione, frutta e cesto
fullscreen
Giovanni Battista Caracciolo, detto Battistello - Andata al Calvario
fullscreen
Mosè Bianchi - Nel Duomo d Monza
fullscreen
Guido Cinotti - Passaggio montano con neve
fullscreen
Fausto Pirandello - Nudo allo specchio
fullscreen
Anselmo Bucci - Autoritratto
fullscreen
Pompeo Mariani - Veduta del Cairo
fullscreen
Emilio Borsa - Mulini a Monza
fullscreen
Eugenio Spreafico - Dal lavoro. Il ritorno dalla filanda
fullscreen
Giuseppe Meda - Compianto sul Cristo morto con San Giovanni Battista
fullscreen
Simone Pellegrini - La libagione
fullscreen
Giuseppe Grandi - Busto femminile
fullscreen
Angelo Inganni - Veduta della contrada nuova in Monza
fullscreen
Arturo Martini - Leda col cigno
Francesco Hayez - Ritratto di giovane donna
Natura morta con cacciagione, frutta e cesto
Giovanni Battista Caracciolo, detto Battistello - Andata al Calvario
Mosè Bianchi - Nel Duomo d Monza
Guido Cinotti - Passaggio montano con neve
Fausto Pirandello - Nudo allo specchio
Anselmo Bucci - Autoritratto
Pompeo Mariani - Veduta del Cairo
Emilio Borsa - Mulini a Monza
Eugenio Spreafico - Dal lavoro. Il ritorno dalla filanda
Giuseppe Meda - Compianto sul Cristo morto con San Giovanni Battista
Simone Pellegrini - La libagione
Giuseppe Grandi - Busto femminile
Angelo Inganni - Veduta della contrada nuova in Monza
Arturo Martini - Leda col cigno

Altre opere esposte

Descrizione

Il gruppo monumentale raffigura il mito di Giove che, per conquistare la giovane Leda figlia del re di Sparta, si trasforma in cigno. Dall’unione con il dio nascono due uova, dalle quali vennero alla luce Castore e Pollùce, i Diòscuri, oltre a Elena di Troia, sposa di Menelao, e Clitennestra, sposa di Agamennone fratello di Menelao. Arturo Martini – uno dei massimi interpreti della scultura italiana del XX secolo – presentò il gesso della Leda nel 1926 alla 1^ Mostra del Novecento Italiano tenutasi a Milano; da questo gesso fu tratta poi la scultura in pietra serena esposta nel 1930 alla IV Esposizione di Arti Decorative di Monza, nel periodo in cui (1929-1931) lo scultore insegnava presso il locale Istituto Superiore per l’Industria Artistica (ISIA). L’opera è caratterizzata da una solida ricerca volumetrica che, grazie alla linearità delle scansioni e alla saldezza della costruzione geometrica, resa leggera dai passaggi chiaroscurali, la rende subito un’icona, studiata e riprodotta in numerose occasioni. Ben inserita nella produzione del maestro degli anni Venti, alla luce delle contemporanee ricerche artistiche in Italia la Leda guarda alla scultura primitiva, alla purezza romanica delle forme, alla sintesi arcaica che attualizza la dimensione fiabesca del mito.

Sconti e riduzioni con l'Artsupp Card

Con l’Artsupp Card puoi accedere per la prima volta a sconti e ingressi ridotti nei musei di tutta Italia.

Scopri di più

Ricerche correlate

photo undefined

Lettera 22

Giuseppe Beccio; Marcello Nizzoli

placeIvrea, Piemonte, Italia

photo undefined

Radio Phonola 547

Pier Giacomo Castiglioni, Livio Castiglioni, Luigi Caccia Dominioni

placeNapoli, Campania, Italia

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo