spinner-caricamento
Share

MArTA - Museo Archeologico Nazionale di Taranto verified

Taranto, Puglia, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Testa femminile in terracotta policroma
fullscreen
Tre terracotte policrome raffiguranti acrobate
fullscreen
Diadema
fullscreen
Gladiatore
fullscreen
Ritratto di Augusto capite velato
fullscreen
Bambolotto e torre giocattolo
fullscreen
Schiaccianoci
fullscreen
Orecchino a navicella in oro
fullscreen
Kylix Iaconica con tonni e delfini
fullscreen
Letto funebre (kline)
fullscreen
Testa di Eracle
fullscreen
Corona funeraria con foglie di quercia
fullscreen
Pavimento a mosaico in tessere policrome con velarium centrale
fullscreen
Teca in forma di conchiglia con Nereide su mostro marino
fullscreen
Venere di Parabita (Lecce)
fullscreen
Venere di Parabita (Lecce)
fullscreen
Metopa a decoro del naiskos con scena di battaglia tra Greci e barbari
fullscreen
Statua bronzea di Zeus su capitello dorico in pietra
fullscreen
Lekythos sovradipinta con donna affacciata alla finestra
fullscreen
Ramarro
Testa femminile in terracotta policroma
Tre terracotte policrome raffiguranti acrobate
Diadema
Gladiatore
Ritratto di Augusto capite velato
Bambolotto e torre giocattolo
Schiaccianoci
Orecchino a navicella in oro
Kylix Iaconica con tonni e delfini
Letto funebre (kline)
Testa di Eracle
Corona funeraria con foglie di quercia
Pavimento a mosaico in tessere policrome con velarium centrale
Teca in forma di conchiglia con Nereide su mostro marino
Venere di Parabita (Lecce)
Venere di Parabita (Lecce)
Metopa a decoro del naiskos con scena di battaglia tra Greci e barbari
Statua bronzea di Zeus su capitello dorico in pietra
Lekythos sovradipinta con donna affacciata alla finestra
Ramarro

Altre opere esposte

Descrizione

L’imperatore, il cui ritratto è noto da molte statue e dalle stesse raffigurazioni monetali, si riconosce facilmente per il viso triangolare, gli occhi piccoli e ravvicinati e il tipico ricciolo dei capelli “a tenaglia”. È raffigurato stante, e col capo velato. Questo elemento ha consentito di riconoscere la sua raffigurazione nelle funzioni di pontefice massimo, capo della religione romana, e dunque di datare il ritratto a dopo il 12 a. C. anno nel quale assunse tale carica. Il potere di Augusto, infatti, può essere definito un principato più che un imperium: con questo termine si indicava infatti il comando militare, mentre Ottaviano Augusto era un princeps,“un primo cittadino”, che assunse nel tempo le cariche più importanti dello Stato romano che peraltro non smise mai di essere definito res publica.


Altre opere a Taranto

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo