spinner-caricamento
Share

MUNDA - Museo nazionale d'Abruzzo verified

L'Aquila, Abruzzo, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Madonna de Ambro
fullscreen
Madonna in trono con il Bambino
fullscreen
Madonna in trono con il Bambino
fullscreen
Madonna di Fossa
fullscreen
Leonardo di Sabino da Teramo, detto il Maestro del Trittico di Beffi - Madonna in trono con il Bambino e scene della vita di Gesù e della Vergine (Trittico di Beffi)
fullscreen
San Francesco riceve le stimmate
fullscreen
Francesco da Montereale - Madonna con il Bambino e Santi
fullscreen
Saturnino Gatti - Madonna in trono con Bambino e angeli
fullscreen
Pompeo Cesura - Cristo alla colonna
fullscreen
Mattia Preti - Martirio di san Bartolomeo (particolare)
fullscreen
Jusepe de Ribera - La Maddalena in meditazione del teschio
fullscreen
Andrea Vaccaro - Sant'Agata in carcere
fullscreen
Carl Borromäus Andreas Ruther - Lepre
fullscreen
Rilievo con corteo funebre
fullscreen
Rilievo con ludi gladiatori
fullscreen
Calendario amiternino
Madonna de Ambro
Madonna in trono con il Bambino
Madonna in trono con il Bambino
Madonna di Fossa
Leonardo di Sabino da Teramo, detto il Maestro del Trittico di Beffi - Madonna in trono con il Bambino e scene della vita di Gesù e della Vergine (Trittico di Beffi)
San Francesco riceve le stimmate
Francesco da Montereale - Madonna con il Bambino e Santi
Saturnino Gatti - Madonna in trono con Bambino e angeli
Pompeo Cesura - Cristo alla colonna
Mattia Preti - Martirio di san Bartolomeo (particolare)
Jusepe de Ribera - La Maddalena in meditazione del teschio
Andrea Vaccaro - Sant'Agata in carcere
Carl Borromäus Andreas Ruther - Lepre
Rilievo con corteo funebre
Rilievo con ludi gladiatori
Calendario amiternino

Altre opere esposte

Descrizione

Il rilievo rinvenuto ad Amiternum è certamente una delle testimonianze più importanti relativa allo svolgimento di una cerimonia funebre. L’apparato scultoreo rappresenta una scena di corteo funebre organizzata su due registri compositivi che, in realtà, hanno lo scopo di dare profondità e tridimensionalità alla raffigurazione. I personaggi presenti sulla lastra di pietra sono numerosi, ma individuabili nei loro compiti: partendo da sinistra, in alto, sono visibili le praeficae, donne appositamente pagate per dimostrare ad arte il dolore, intonando canti in onore del defunto; sul livello inferiore sono evidenti otto uomini (lecticarii) che sostengono il feretro, anticipati dal dissignator, che dirige la cerimonia; a destra sono riconoscibili, in basso, i suonatori di flauto (tibicines), mentre in alto i suonatori di corno (cornicines), preceduti da un trombettiere (tubicen). In posizione centrale è raffigurato il defunto, collocato sopra un letto funebre: la posizione, innaturale per una persona morta, del gomito piegato sui cuscini fa supporre che si trattasse di un attore che interpretasse il ruolo del personaggio scomparso. Le exsequiae, ossia le onoranze funebri, in origine si svolgevano di notte, per salvaguardare l’integrità di sacerdoti o di magistrati in quanto la sola vista del corpo del defunto causava impurità. Il rilievo può essere considerato opera di arte popolare locale ed è possibile datarlo fra la fine del I sec.a.C. e gli inizi del secolo successivo.

Altre opere a L'Aquila

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo