spinner-caricamento
Share

Opera esposta nella mostra

undefined arrow_right_alt

fullscreen
Lunetta di collegamento fra chiostro e chiesa di San Francesco, particolare dell’Angelo
fullscreen
Crocifisso scolpito, replica da originale in legno di Giacobino d’Ormea
fullscreen
Tremisse in oro dell’imperatore Tiberio Costanzo
fullscreen
Spille in argento dorato e pietre dure dalla tomba 563 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
fullscreen
Ghironda in legno scolpito e decorato
fullscreen
Giulio Boetto - Corteo nuziale a Casteldelfino
fullscreen
Giulio Boetto - Ballo delle sciabole
fullscreen
 Coppia di sposi da Acceglio
fullscreen
Abito tradizionale della Valle Stura
fullscreen
Scialle in seta ricamata dalla Valle Varaita
fullscreen
Corredo della tomba 127 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
fullscreen
 Cintura multipla in ferro ageminato dalla tomba 88 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
fullscreen
Tombolo in legno inciso e decorato da rosa delle Alpi
fullscreen
Croce in oro decorata legata a nastro ricamato e cuore inciso
fullscreen
Abito tradizionale della Valle Gesso
Lunetta di collegamento fra chiostro e chiesa di San Francesco, particolare dell’Angelo
Crocifisso scolpito, replica da originale in legno di Giacobino d’Ormea
Tremisse in oro dell’imperatore Tiberio Costanzo
Spille in argento dorato e pietre dure dalla tomba 563 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
Ghironda in legno scolpito e decorato
Giulio Boetto - Corteo nuziale a Casteldelfino
Giulio Boetto - Ballo delle sciabole
 Coppia di sposi da Acceglio
Abito tradizionale della Valle Stura
Scialle in seta ricamata dalla Valle Varaita
Corredo della tomba 127 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
 Cintura multipla in ferro ageminato dalla tomba 88 della necropoli longobarda di Sant’Albano Stura
Tombolo in legno inciso e decorato da rosa delle Alpi
Croce in oro decorata legata a nastro ricamato e cuore inciso
Abito tradizionale della Valle Gesso

Altre opere esposte

Descrizione

La ghironda in legno inciso, decorato e dipinto, è di fabbricazione francese e databile al pieno Ottocento. Questo esemplare è a otto corde, decorato anche per il manico, a testa antropomorfa e può essere suonato da un solo musicista. In pieno medioevo la ghironda era uno degli strumenti d’eccellenza nella musica sacra, risultando lo strumento principe nell’accompagnare i canti gregoriani. Di solito occorrevano due suonatori: uno per manovrare la ruota, l’altro per azionare. L’organistrum funzionava facendo girare una ruota, azionata da una manovella, una sorta di arco continuo, che andava a sfregare un numero variabile di corde, da un minimo di sei a un massimo di otto. Nel corso dei secoli la ghironda mutò funzione e dimensioni. Da strumento ideale per l’esecuzione della musica sacra, divenne, invece, indispensabile per la musica popolare.

Altre opere a Cuneo

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp riunisce tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei su un’unica piattaforma. Da oggi siamo anche in Spagna, Regno Unito, Olanda, Francia e Germania. Registrati per scoprire i musei che condivideranno le loro mostre e attività culturali su Artsupp.

chi siamo