Share

MANDA - Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo - Villa Frigerj verified

Chieti, Abruzzo, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Guerriero di Capestrano
fullscreen
Ercole Curino
fullscreen
Heracles Epitrapezios
fullscreen
Statua togata da Foruli
fullscreen
Statua di discoforo con testa ritratto da Foruli
fullscreen
Statua di personaggio di rango militare da Foruli
fullscreen
Zeus
fullscreen
Ritratto da Alba Fucens
fullscreen
Ritratto virile da Alba Fucens
fullscreen
Osiride stante mummiforme
fullscreen
Corazza a tre dischi
fullscreen
Fibula in bronzo
fullscreen
Calzari di Campovalano
fullscreen
Padella
fullscreen
Olla
fullscreen
Anello
fullscreen
Tabulae patronatus di Amiternum
fullscreen
Ara in bronzo
fullscreen
Antefissa (n. 2)
fullscreen
Antefissa (n. 1)
fullscreen
Volto
fullscreen
Senza titolo
Guerriero di Capestrano
Ercole Curino
Heracles Epitrapezios
Statua togata da Foruli
Statua di discoforo con testa ritratto da Foruli
Statua di personaggio di rango militare da Foruli
Zeus
Ritratto da Alba Fucens
Ritratto virile da Alba Fucens
Osiride stante mummiforme
Corazza a tre dischi
Fibula in bronzo
Calzari di Campovalano
Padella
Olla
Anello
Tabulae patronatus di Amiternum
Ara in bronzo
Antefissa (n. 2)
Antefissa (n. 1)
Volto
Senza titolo

Altre opere esposte

Descrizione

La fibula era un indispensabile oggetto del vestiario, utilizzata, in antichità, per fermare gli abiti.
Questa fibula ha un arco configurato, su cui è rappresentato un carro, trainato da un bovide dalle lunghe corna. Sul dorso del bue vi è una figurina umana rappresentata con le gambe separate, le braccia allargate e le mani segnate dall’incisione delle dita: con la destra impugna una corta lancia e con la sinistra guida un cervo adulto con il muso stretto dal laccio. Sul carro si susseguono un cane con le orecchie dritte e la coda rivolta verso il dorso, ed una seconda figura in posizione dominante, con uno scudo decorato e con uno scettro; all’esterno del carro, in verticale sulla parte posteriore della ruota, è raffigurato un altro cane con la coda abbassata. Le figure umane hanno teste massicce, oblunghe, recanti incisioni parallele.
Della rappresentazione sono state date diverse interpretazioni: potrebbe trattarsi di una scena di caccia al cervo, ma il carro trainato dal bue potrebbe anche alludere al viaggio del defunto verso l’oltretomba in una sorta di sfilata cerimoniale con un intento di “eroizzazione” del personaggio. In alternativa, è possibile leggere la scena come un sacrificio in cui il sacerdote scaccia i demoni e i mali percuotendo lo scudo con la mazza.
La fibula in bronzo è stata rinvenuta nella tomba 45, ospitata all’ interno di un grande tumulo funerario. La tomba, maschile in base agli altri oggetti di corredo, doveva appartenere ad una figura eminente della comunità seppellita nella necropoli.

Altre opere a Chieti

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento