Share

Museo delle Arti Decorative verified

Milano, Lombardia, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Dicembre
fullscreen
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Gennaio
fullscreen
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Febbraio
fullscreen
Compasso geometrico militare di Galileo Galilei
fullscreen
Gesù crocifisso tra i due ladroni
fullscreen
Alzata Gonzaga
fullscreen
Gio Ponti; Libero Andreotti - Cista blu
fullscreen
Otto Imperator
fullscreen
Cassettina dei Santi Cipriano e Giustina
fullscreen
Versatoio
fullscreen
Ostensorio di Voghera
fullscreen
Scipione Delfinone; Camillo da Posterla - Il Gonfalone di Milano
fullscreen
Marie al sepolcro
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Dicembre
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Gennaio
Bartolomeo Suardi, detto Bramantino - Arazzo con la rappresentazione di Febbraio
Compasso geometrico militare di Galileo Galilei
Gesù crocifisso tra i due ladroni
Alzata Gonzaga
Gio Ponti; Libero Andreotti - Cista blu
Otto Imperator
Cassettina dei Santi Cipriano e Giustina
Versatoio
Ostensorio di Voghera
Scipione Delfinone; Camillo da Posterla - Il Gonfalone di Milano
Marie al sepolcro

Altre opere esposte

Descrizione

La cassettina è un pregevole esempio dell’eccellenza raggiunta dall’arte orafa di ambito lombardo nell’XI secolo. A forma di parallelepipedo con coperchio a spioventi, la cassetta ha un’anima in legno ed è rivestita di sei lamine d’argento parzialmente dorato, lavorato a sbalzo e a cesello. Sui lati maggiori si riconoscono il Martirio dei Santi Cipriano e Giustina e una Traditio Legis et clavium, sui lati minori sono rappresentate due figure femminili di cui una in trono e la Decollazione di San Cipriano. Il coperchio è ornato dall’Agnello mistico tra angeli e da un Vescovo tra Santi. L’iconografia scelta rivela un sapiente equilibrio tra la celebrazione della vita e del martirio dei due Santi e quella del ruolo della Chiesa, ricordata nella trasmissione a San Pietro delle chiavi e a San Paolo della Legge. L’agnello mistico raffigura Cristo. Sembra verosimile che la cassetta sia stata concepita per contenere alcune reliquie di Santa Giustina, traslate nel 1001 da Roma alla Cattedrale di Piacenza. L’alta qualità del reliquiario è percepibile nelle variazioni cromatiche e nel delicato e sapiente panneggio. Appartenente alla Collezione di Luigi Alberico Trivulzio, l’opera è entrata nelle Civiche Raccolte nel 1953.

Altre opere a Milano

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento