spinner-caricamento
Share

Museo dell'Arte Classica verified

Roma, Lazio, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Calco Fauno Barberini
fullscreen
calco di statua, Venere Capitolina
fullscreen
calco di statua, Afrodite accovacciata
fullscreen
Calco di statua, vecchia ebbra
fullscreen
calco di statua, c.d. Arianna addormentata
fullscreen
Calco di statua, pugile
fullscreen
calco di torso, c.d. torso del Belvedere
fullscreen
calco di statua, Nike di Samotracia
fullscreen
calco di statua, Artemide
fullscreen
calco di statua, c.d. Principe delle terme
fullscreen
calco di statua, Peplophoros
fullscreen
calco di statua, Poseidon
fullscreen
calco di statua, Laocoonte
fullscreen
calco di statua, Venere dell’Esquilino
fullscreen
calco di statua, Spinario
Calco Fauno Barberini
calco di statua, Venere Capitolina
calco di statua, Afrodite accovacciata
Calco di statua, vecchia ebbra
calco di statua, c.d. Arianna addormentata
Calco di statua, pugile
calco di torso, c.d. torso del Belvedere
calco di statua, Nike di Samotracia
calco di statua, Artemide
calco di statua, c.d. Principe delle terme
calco di statua, Peplophoros
calco di statua, Poseidon
calco di statua, Laocoonte
calco di statua, Venere dell’Esquilino
calco di statua, Spinario

Altre opere esposte

Descrizione

Il calco raffigura la dea Venere nel momento immediatamente precedente al suo bagno; interamente nuda, è lievemente inclinata in avanti, nell’atto di proteggere con entrambe le braccia il petto e il pube. La gamba destra è flessa e avanzata, la sinistra è in appoggio. La testa è leggermente piegata verso sinistra e presenta una capigliatura complessa con un nodo alto "a fiocco" e ciocche ricadenti sulle spalle. I vestiti sono adagiati su un’anfora, collocata nei pressi della gamba sinistra. La scultura originale, di dimensioni di poco maggiori del vero, fu rinvenuta a Roma, nei pressi della basilica di San Vitale intorno al 1666-1670 e fu acquistata e donata alle collezioni capitoline, da papa Benedetto XIV nel 1752. La Venere del Museo Capitolino ha definito il cosiddetto “tipo Capitolino”, del quale sono a conosciute numerose repliche. La statua è ritenuta una delle prime e più fedeli repliche della celebre statua della Afrodite Cnidia, eseguita da Prassitele intorno al 360 a.C. per il santuario della dea a Cnido. 


Altre opere a Roma

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo