spinner-caricamento
Share
fullscreen
Federico Barocci - Ritratto di Maddalena Osuna Giron
fullscreen
Alessandro Algardi - Attila
fullscreen
Alvise Vivarini - Crocifisso con angeli che raccolgono il sangue di Cristo
fullscreen
Franz Werner Von Tamm, detto Monsó Daprait - Vaso di fiori, anguria e moretto con un vassoio di frutta
fullscreen
Christian Berentz - Fiori, frutta e un vassoio con calici di vetro
fullscreen
Elisabetta Sirani - Madonna con Bambino e San Giovannino
fullscreen
Caccia al cinghiale Calidonio
fullscreen
Giovanni Bellini - Incoronazione della Vergine
fullscreen
Guido Reni - Caduta dei giganti
fullscreen
Putto Alato
fullscreen
Giannandrea Lazzarini - Trinità con la Madonna
fullscreen
Mariotto di Nardo - Madonna con Bambino e i santi Michele e Francesco
fullscreen
Speranza bella - Piatto da pompa
fullscreen
Stemma famiglia Veterani di Urbino
fullscreen
Ferruccio Mengaroni - Medusa
Federico Barocci - Ritratto di Maddalena Osuna Giron
Alessandro Algardi - Attila
Alvise Vivarini - Crocifisso con angeli che raccolgono il sangue di Cristo
Franz Werner Von Tamm, detto Monsó Daprait - Vaso di fiori, anguria e moretto con un vassoio di frutta
Christian Berentz - Fiori, frutta e un vassoio con calici di vetro
Elisabetta Sirani - Madonna con Bambino e San Giovannino
Caccia al cinghiale Calidonio
Giovanni Bellini - Incoronazione della Vergine
Guido Reni - Caduta dei giganti
Putto Alato
Giannandrea Lazzarini - Trinità con la Madonna
Mariotto di Nardo - Madonna con Bambino e i santi Michele e Francesco
Speranza bella - Piatto da pompa
Stemma famiglia Veterani di Urbino
Ferruccio Mengaroni - Medusa

Altre opere esposte

Descrizione

Dopo un periodo di stallo, intorno al 1540, la maiolica pesarese torna agli antichi splendori. Il trasferimento della corte dei Della Rovere da Urbino a Pesaro, nel 1538, contribuisce ad alimentare un rinnovamento urbanistico e artistico e così la rappresentazione di ‘storie’ approda a Pesaro, dove viene eseguita soprattutto nelle botteghe di Girolamo e Giacomo Lanfranco Dalle Gabicce. Datata al 1541, la coppa è uno dei primi esempi di istoriato pesarese. La scena, dipinta con acceso cromatismo, denota una mano quasi infantile. I personaggi sono definiti in modo essenziale e animati da un intenso dinamismo. Nella coppa compaiono anche gli elementi che diventeranno costanti nell’istoriato pesarese, come gli edifici approssimativi in lontananza, e soprattutto l’inserimento dell’evento mitologico in un paesaggio naturalistico, che viene dunque preferito all’ambientazione di tipo architettonico.

Altre opere a Pesaro

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo