spinner-caricamento
Share
fullscreen
Affreschi dalla Casa di Livia a Prima Porta
fullscreen
Discobolo Lancellotti
Affreschi dalla Casa di Livia a Prima Porta
Discobolo Lancellotti

Altre opere esposte

Descrizione

I resti della Villa di Livia, moglie dell'imperatore Augusto, furono rinvenuti alla fine dell'Ottocento in località Prima Porta al IX miglio della via Flaminia. Gli affreschi, che nel 1951 furono portati nel Museo Nazionale Romano per ragioni di conservazione, decoravano le pareti di una grande ala semisotterranea con funzione, probabilmente, di triclinio estivo, cioè di sala di soggiorno e di banchetto utilizzata nei mesi più caldi. Essi costituiscono l'esempio più antico di pittura continua di giardino, databile per stile nel decennio 30-20 a.C. Negli affreschi della Villa di Livia le immagini risultano organizzate secondo due distinte percezioni visive: la staccionata di canne e la balaustra di marmo, poste in orizzontale, e gli alberi nelle nicchie che ritmano in senso verticale le pareti. Entro tale schema si inserisce una varietà di piante e di uccelli naturalisticamente riprodotti. Questo genere pittorico testimonia il ruolo di prestigio assunto dal giardino, ordinato secondo i canoni dell’ars topiaria (arte dei giardini), nelle villae e nelle domus di età tardo-repubblicana e augustea. Il tema trovò particolare fortuna nel programma figurativo di Augusto, che ravvisava nella floridezza della natura la migliore allusione alla felicitas temporum, conseguente alla Pax Augusta.

Altre opere a Roma

Ricerche correlate

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo