spinner-caricamento
Share
Fondazione Ivan Bruschi

Casa Museo dell'Antiquariato Ivan Bruschi

La Fondazione, istituita nel 1996 per volontà testamentaria dell’antiquario Ivan Bruschi, oggi amministrata da Intesa Sanpaolo, ha sede nell’antico palazzo della Zecca, uno degli edifici civili più importanti della città come testimoniano i numerosi stemmi posti sulla facciata. Si trova di fronte alla romanica Pieve di Santa Maria e poco distante dalle Logge vasariane che, affacciate su Piazza Grande, fanno da sfondo alla Fiera Antiquaria che Ivan Bruschi ideò il 2 giugno del 1968, vicino alla Basilica di San Francesco con il famoso ciclo di affreschi “La leggenda della vera croce” dipinto da Piero della Francesca.

Il percorso espositivo, aperto al pubblico nel 2002, comprende sedici sale distribuite su tre piani con un allestimento, curato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, che ha riordinato, dopo un’accurata inventariazione durata quattro anni, la straordinaria varietà di opere e manufatti che rivelano i molteplici interessi collezionistici dell’antiquario aretino. Le pareti sono arricchite da incisioni, disegni e opere pittoriche di Bicci di Lorenzo, Neri di Bicci, del maestro di Stratonice, del Sassoferrato, di Luca Giordano, di Pietro Benvenuti e ancora opere delle cerchie di Tintoretto e Guido Reni, alcune delle quali di proprietà di Intesa Sanpaolo in comodato alla Fondazione.

Reperti archeologici dalla preistoria alle antichità classiche (si segnalano la collezione dei bronzetti e delle terrecotte votive, un’elegante Tanagra e l’importante raccolta di iscrizioni e frammenti decorativi); sculture di bottega robbiana, avori degli Embriachi, arredi sacri, armi, gioielli, vetri, ceramiche, strumenti scientifici: il tutto allestito con l’intenzione di evocare le suggestioni che di solito si percepiscono nelle ‘case della vita’.

Gli spazi

Orari e biglietti

Indirizzo

Corso Italia, 14
52100 Arezzo

Altri contatti


Altri musei a Arezzo

Cosa trovi su Artsupp

Artsupp è il portale dei musei con cui è facile scoprire arte, mostre e opere. Adesso anche i musei di Francia, Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna possono condividere con gli utenti le loro attività.

chi siamo